LAZIO - UDINESE 2-0

RIPARTENZA LAZIO DOPO LE POLEMICHE, CAICEDO E UN AUTOGOL DI SANDRO SPIANANO AL STRADA ALLA VITTORIA. ORA LA CHAMPIONS E' A TRE PUNTI.

stampa articolo Scarica pdf

Si doveva ripartire, prendere quei tre punti per riaprire il discorso Champions anche per la Lazio. Non era facile, le troppe polemiche in campo e fuori dal campo di sabato scorso a Milano contro il Milan potevano lasciare scorie pesanti e l’Udinese vista contro la Roma era in grado di preoccupare non poco Simone Inzaghi. Alla fine la Lazio ha dominato la partita, ha avuto ancora una volta problemi e polemiche con il sestetto arbitrale, il rigore procurato di Lulic, gol annullato a Acerbi e punizione dal limite inventata di sana pianta ma alla fine la vittoria è stata netta grazie a un gol di Caicedo e una autorete di Sandro. Finalmente qualche giorno di tranquillità a Formello anche se sabato è molto vicino e la partita col Chievo è da vincere a tutti i costi. Esiste un problema Immobile? Inzaghi in conferenza stampa post partita ha difeso il suo attaccante, ha aggiunto che ci sono momenti no ma che Ciro sta lavorando molto bene in allenamento e tornerà a segnare presto aggiungendo che comunque è decisivo per la Lazio anche come assist man visto il passaggio decisivo per Caicedo nel gol che sblocca la partita. Se lo augurano anche i tifosi che comunque sono sempre molto vicini al proprio attaccante, i cori per Ciro non mancano mai. La difesa ha retto, non ha subito gol ma quello che emerge è che i difensori laziali rischiano troppo, Patric più volte nelle partite precedenti, Lulic ieri sera, in area bisogna stare attenti e Simone Inzaghi deve catechizzare di più i propri difensori. Ottima partita per Milinkovic Savic, Acerbi aveva anche segnato e sarebbe stato bello festeggiare un gol dopo tutte le polemiche di sabato. Romulo è una bella conferma anche se Inzaghi sabato molto probabilmente gli preferirà Marusic. C’è stata anche la possibilità di vedere in campo Jordào, il portoghese ha dato buone indicazioni, saranno lui e Pedro Neto le rivelazioni (finalmente) del prossimo anno?

Cronaca

Inzaghi conferma difesa a tre, Patric, Acerbi e Luis Felipe davanti a Strakosha, Leiva, Parolo e Milinkovic a centro campo, Romulo e Lulic sulle fasce con Caicedo e Immobile di punta. Tudor presenta Badu a centrocampo con De Paul a ridosso di Lasagna unica punta con Okaka in panchina.

Al 2’ Caicedo si mette in mostra subito con un colpo di testa di poco a lato. Ci prova Immobile al 5’ ma non trova la porta. Al 12’ la palla buona è per Leiva ma la mira non è delle migliori calciando alto. Al 14’ Immobile serve in profondità Caicedo che calcia di prima intenzione verso il portiere dell’Udinese che mette la sfera in angolo. Al 20’ calcio d’angolo per l’Udinese con De Paul, Badu di testa colpisce la traversa a Strakosha battuto. Al 21’ vantaggio laziale, assist di Immobile in profondità per Caicedo che controlla la palla in velocità e batte Musso sul primo palo con una rasoiata velocissima. Immobile nel suo peggior momento di vena realizzativa si trasforma in assist man per il compagno Ecuadoregno porta fortuna per la Lazio, a ogni suo gol corrisponde una vittoria laziale. Dopo 4’ ancora gol per la Lazio, calcio d’angolo di Romulo, Milinkovic salta di testa senza prendere il pallone sbilanciando mezza difesa friulana, Sandro colpisce di piede e fa gol nella sua porta, una beffa per l’Udinese. Al 31’ Immobile potrebbe mettere il sigillo a un gran primo tempo laziale ma spedisce fuori da posizione defilata sulla destra. Al 45’ Parolo di testa supera Musso ma non Larsen appostato sulla linea di porta evitando il 3 a 0. Al 46’ annullato un gol a Acerbi, Milinkovic colpisce di testa un cross sul secondo palo, la palla sbatte sul braccio dopo il colpo di testa e Acerbi che mette dentro facile. Calvarese dopo un confronto al Var decide di annullare, i laziali protestano. Finisce il primo tempo con dominio assoluto della Lazio.

Secondo tempo che si apre con un rigore assegnato all’Udinese per fallo di Lulic su Lasagna, De Paul sul dischetto ma Strakosha intuisce il tiro e para il penalty. Ritmi bassi dopo il calcio di rigore, la Lazio attacca poco e l’Udinese non sembra in grado di far male. Nessuna azione da gol da segnalare e dopo 4 minuti di recupero Calvarese fischia la fine delle ostilità.

La Lazio si riaffaccia in zona Europa mentre l’Udinese resta in bilico attaccata a quei 3 punti di vantaggio sull’Empoli e più 1 sul Bologna. Sabato prossimo la Lazio sarà ancora all’Olimpico contro il Chievo già retrocesso, Inzaghi chiederà ai suoi i 3 punti, fondamentali per ritornare davvero a lottare per il quarto posto.

GIUSEPPE CALVANO


© Riproduzione riservata