LAMPRONTI GALLERY

LAMPRONTI GALLERY

Da Artemisia a Hackert Storia di un antiquario collezionista alla Reggia a cura di Lampronti Gallery. Maria Laura Perilli

stampa articolo Scarica pdf

Si è tenuta ieri, presso la prestigiosa sede dell'Accademia di San Luca , la conferenza stampa di presentazione della prossima mostra che sarà allestita presso la Reggia di Caserta dal 13 settembre al 13 gennaio 2019 intitolata " Da Artemisia a Hackert Storia di un antiquario collezionista alla Reggia" a cura di Lampronti Gallery. La mostra , come spiegato da Cesare Lampronti , è nata da un'idea due anni fa ,dell'ex direttore della Reggia di Caserta Dott. Mauro Felicori di presentare al pubblico il profilo di un antiquario; di come questo si accosti all'opera d'arte e soprattutto la mostra di un antiquario collezionista .La scelta è ricaduta su Lampronti ,sicuramente un protagonista dell'arte italiana e non; antiquario di terza generazione. Nel 61 ha iniziato ad occuparsi della galleria fondata dal nonno nel 1914 avvertendo , un forte interesse da parte della buona borghesia italiana verso l'antiquariato. Questa esposizione si snoderà su quattro tematiche: pitture caravaggesche; pittura del 600; vedute; paesaggi e nature morte per un numero complessivo di 100 opere. Particolare attenzione verrà dedicata alle " immagini in cerca di autori"; opere oggetto di analisi da parte di studiosi ai fini di un'attribuzione. La mostra porrà la Reggia Caserta all'attenzione del pubblico come punto culturale , di ricerca e di collaborazione con il mondo universitario e degli istituti culturali campani. L'obbiettivo è quello di avvicinare il mondo del collezionismo privato e delle gallerie d'arte a quello dei Musei; per coinvolgere un pubblico sempre più eterogeneo. Presente alla conferenza stampa , Vittorio Sgarbi ,curatore del progetto ,di cui ha illustrato le linee principali . Ha commentato alcune opere presenti nella collezione di particolare rilevanza e ha sottolineato, nel contempo, come l'esposizione possa essere considerata un ponte tra Stato e Antiquariato e di come Lampronti ne sia un pilastro fondamentale.

Maria Laura Perilli

© Riproduzione riservata

  • Articolo Precedente

  • Prossimo Articolo