Torino - Roma

“Non mi giudicate per i miei successi ma per tutte quelle volte che sono caduto e sono riuscito a rialzarmi.” Nelson Mandela

1329
stampa articolo Scarica pdf


“Non mi giudicate per i miei successi ma per tutte quelle volte che sono caduto e sono riuscito a rialzarmi.”

Nelson Mandela

TORINO (3-5-2): Padelli; Maksimovic, Glik, Moretti; Peres, Vives, Gazzi, El Kaddouri, Darmian; Martinez, Quagliarella. All.: Ventura.

ROMA (4-3-3): De Sanctis; Florenzi, Manolas, Astori, Holebas; Pjanic, De Rossi, Nainggolan; Iturbe, Ibarbo, Ljajic. All.: Garcia.

ARBITRO: Irrati.

La Roma va a Torino, con un animo leggermente riappacificato dalla vittoria sul Napoli, cercando una continuità di vittorie che da troppo tempo gli mancano. La novità è Florenzi terzino che durante tutta la partita scuote la squadra, detta i ritmi, si propone e infonde sicurezza, un uomo partita che cerca di caricare la Roma e portarla in alto.

A sorpresa Ibarbo dal 1' e Totti in panchina, vediamo sbucare proprio da lì anche il simpatico codino di Balzaretti tornato, almeno come riserva, in prima squadra.Il match comincia con la Roma in avanti, subito un corner, serve Florenzi, e ci prova De Rossi, Padelli è attento e non lascia sfilare via la palla. All'11' Iturbe prova con potenza dalla distanza, ma la palla va sopra la traversa.Sembra un buon avvio di gara per la Roma,comincia a vedersi una struttura più compatta e composta, i presupposti sembrano esserci tutti, senza sottovalutare il Torino che alla Roma non ha mai regalato nulla...anzi.Al 18' è De Rossi a provarci, ma la sua conclusione non spaventa Padelli,che viene impegnato al 21' da Nainggolan con un tiro dal limite dell'area, due minuti dopo su azione ci prova anche Florenzi che manda fuori, l'azione successiva è invece di Martinez che viene però schermato da un attento Manolas. Siamo al 30' azione scomposta di Vives in ritardo su Iturbe, Irrati ammonisce il giocatore granata.La Roma costruisce, infatti al 32' Iturbe la manda fuori di un soffio, sembra aver ripreso quel pizzico di coraggio che le occorreva per farsi pericolosa anche se al 35' un 'azione di Glik spaventa i giallorossi, che si vedono ammonire Iturbe al 37'.Il primo tempo scorre via senza troppi scossoni, di rilievo per il Toro un fuorigioco di Quagliarella, ed un contropiede, Florenzi,Nainggolan per Pjanic, che serve Iturbe ma un Ljajic fuori tempo non finalizza .C'è del buono in quanto visto, il Torino pur giocando in casa non si sta dimostrando molto pericoloso soffre le manovre della Roma nonostante un buonissimo Peres, Florenzi ed Iturbe hanno sprecato troppo.Il match riprende senza cambi, al 47' Maksimovic si fa ammonire per un brutto fallo su Ibarbo, i giallorossi aumentano i giri e si fanno trovare spesso in area granata, assist di Nainggolan per Ljajic al 49' respinge Padelli in angolo il ritmo sale ed anche Holebas ci prova dalla distanza, pronto Padelli alla respinta.La Roma cerca di coprire gli spazi, azione di contropiede De Rossi riceve palla, si invola verso la porta, Moretti contrasta e De Rossi colpito dall'avversario cade in area, Rigore per la Roma; vive le proteste del giocatore granata che va a contestare con De Rossi, tra i due si accendono scintille e ci rimette anche Nainggolan che avvicinatosi rimedia un colpo in pieno volto, verranno ammoniti Moretti e De Rossi, ne approfitta il Toro per effettuare un cambio, fuori Martinez, dentro Lopez, al 58' Florenzi dal dischetto realizza l'1-0 per la Roma. Il momento è delicato, la Roma in questa fase perde di lucidità e pecca di eccesso di sicurezza, tende a sedersi come se si accontentasse del risultato; mossa fatale perchè poco più di cinque minuti dopo, Maxi Lopez, grazie ad una serie fortunata di rimpalli ed un'azione coordinata realizza l'1-1. La Roma non ci sta ed Iturbe in maniera piuttosto concitata finalizza verso la porta, Padelli salva tuffondosi sul pallone, la Roma aggredisce ed al 68' Florenzi mette in mezzo un cross, intercetta Ibarbo di testa ma la palla si rifiuta di entrare, anche ljajic ci prova ma la sua conclusione a rete, viene annullata per fuorigioco. Anche il Torino torna a crederci e Peres copisce l'esterno della rete, buon giocatore, corsa e tenuta copre bene gli spazi e il campo, ammonizione per El Kaddouri, e Garcia nel frattempo esegue un cambio, fuori Ljajic piuttosto sfortunato, per Doumbia, che al 76' si mette subito in mostra staccando di testa su cross di Florenzi, palla respinta. Fuori Peres entra Molinaro, ed al 79' dopo l'ammonizione di Gazzi, esce Vives per Farnerud. Siamo all'80' e Pjanic da calcio piazzato tenta il vantaggio, ma la conclusione esce in angolo, è il turno di Yanga-Mbiwa che andrà a sostituire Ibarbo alla prima partita ufficiale e visivamente provato, all'84' ripartenza di Iturbe palla per Florenzi che prende il palo, fuori Pjanic dentro Ucan, corner per la Roma battuto, palla in area colpisce Astori che non centra lo specchio della porta. Ancora Nainggolan all'88' di potenza, miracolo di Padelli che respinge in area ci arriva Doumbia ma manda fuori di un soffio. Il quarto uomo comunica quattro minuti di recupero, ne approfitta il Torino che conquistato un corner, mette in mezzo per Gazzi, anche lui impreciso la manda fuori, si fa vivo anche Farnerud, ma dopo l'ammonizione di Manolas l'arbitro decreta la fine del Match.La Roma pareggia la sua ennesima partita pur ritrovando, specialmente nel secondo tempo, il piglio giusto per tenere in mano la partita, tante imprecisioni e sbavature, la prossima con l'Atalanta ci dirà la verità.

Laura Tarani

© Riproduzione riservata