Under 21, L'eliminazione Dall'Europeo è Una Doppia Batosta...

Under 21, L'eliminazione Dall'Europeo è Una Doppia Batosta...

La prematura uscita di scena ha comportato la conseguente esclusione dai Giochi Olimpici di Tokyo 2020, ai quali accedono le quattro semifinaliste della manifestazione continentale: Germania, Spagna, Romania e Francia.

stampa articolo Scarica pdf

Per l'ennesima volta la Nazionale Under 21 manca l'appuntamento col titolo continentale di categoria.

Stavolta, però, l'amarezza per aver fallito la conquista dell'Europeo (che è assente dalla bacheca azzurra dal lontano 2004) è maggiore che in passato, sia perché si giocava in casa sia perché la rosa pareva davvero in grado di giungere fino in fondo.

Invece, dopo il bel 3-1 dell'esordio sull'ostica Spagna, gli Azzurrini sono incappati nell'inopinata sconfitta 0-1 con la Polonia, che ha praticamente compromesso le possibilità di qualificazione alla fase successiva: il 3-1 col Belgio nell'ultimo impegno del girone è stato, infatti, inutile, per via del successo in goleada (5-0) degli spagnoli sui polacchi, che ha posizionato Azzurrini, "furie rosse" e bianco-rossi a pari merito (6 punti), ma con gli iberici primi (e qualificati) per la miglior differenza reti negli scontri diretti, davanti all'Italia e alla Polonia.

Svanita la possibilità d'essere ripescata quale miglior seconda, la Nazionale allenata da mister Luigi Di Biagio ha, quindi, concluso anzitempo la sua avventura in un Campionato Europeo casalingo iniziato con grandi aspettative: invece, l'aver mancato l'accesso alla fase successiva ha comportato la conseguente esclusione dai Giochi Olimpici di Tokyo 2020 (la terza di fila, dopo quelle del 2012 e del 2016), ai quali accedono le semifinaliste della manifestazione continentale (Germania, Spagna, Romania e Francia).

Come se non bastasse, si è presentato il problema relativo a Moise Kean e Nicolò Zaniolo, più volte giunti in ritardo in occasione di pranzi, riunioni e allenamenti: il fatto che i due giocatori si siano scusati è una bella cosa, ma era talmente difficile avere un po' più di precisione, arrivando in orario, nel rispetto di tutti?

Evidentemente saranno stati errori di gioventù (diciamo perdonabili, suvvia): ora, però, i due si sono “giocati il bonus”: auspichiamo che, capiti i loro errori, possano tornare a essere decisivi, ovviamente nella Nazionale maggiore.

Tuttavia, va ricordato che sbagliare è umano, ma perseverare è diabolico.

Circa l'Under 21, l'appuntamento col titolo è ancora una volta rinviato: l'ultimo trionfo europeo resta, quindi, quello del 2004, quando gli Azzurrini del CT Claudio Gentile fecero loro la manifestazione piegando per 3-0 la Serbia e Montenegro nella finale di Bochum, in Germania.

Germania: esattamente dove un biennio più tardi (il 9 luglio 2006, ma a Berlino) la Nazionale maggiore vinse il Mondiale.

Ben cinque elementi di quella vittoriosa Under 21 furono, poi, tra i 23 trionfatori (alcuni da protagonisti, altri meno) della kermesse iridata del 2006: Marco Amelia, Andrea Barzagli, Daniele De Rossi, Alberto Gilardino e Cristian Zaccardo.

Altri tempi: sic transit gloria mundi...

Giuseppe Livraghi

© Riproduzione riservata