Chi Tutela Le G.P.G...

Tragedia sfiorata, ennesimo atto di violenza nei confronti di una Guardia particolare Giurata, Massimo Petrini, di anni 58 in forza all'Istituto di Vigilanza dell’Urbe di Roma, in servizio presso la stazione Tiburtina metro linea B, dove transitano anche i treni delle F.S.

335
stampa articolo Scarica pdf

Chi tutela le G.P.G. ?

Tragedia sfiorata, ennesimo atto di violenza nei confronti di una Guardia particolare Giurata, Massimo Petrini, di anni 58 in forza all'Istituto di Vigilanza dell’Urbe di Roma, in servizio presso la stazione Tiburtina metro linea B, dove transitano anche i treni delle F.S. Da qualche anno, la stazione Tiburtina è divenuta nodo di scambio, tra le migliaia di pendolari che lavorano nella capitale, appunto, per il passaggio di treni delle F.S. che collegano tratte: locali, regionali e nazionali. Il tragico fatto, è accaduto il 26 settembre, alle ore 17. 15 quando, durante il servizio che stava svolgendo, la G.p.G. improvvisamente veniva aggredito da un giovane, colto di sorpresa e sopraffatto dall’aggressore, il quale lo colpiva ripetutamente con un coltello, ferendolo al braccio e alla gola. Seppur difendendosi la G.p.G. cadeva in terra perdendo molto sangue. Il giovane approfittando del caos da lui creato, si impossessava della pistola d'appartenenza della G.p.G. correndo all'impazzata. Dopo pochi metri, l’aggressore cadeva in terra, privo di vita per essersi puntato l'arma, suicidandosi. I passanti inorriditi e testimoni del fatto, allertavano tempestivamente le forze dell'ordine e il 118. In quel momento, transitava Franzesca Jager Montesi, anni 53 di professione infermiera, presso la ASL RM 2, che vista la gravità del fatto, non ha esitato ad intervenire, tamponando la ferita al collo della G.p.G., con lo stesso berretto di ordinanza, rallentando così, la perdita del flusso sanguigno, evitando la morte per dissanguamento. Minuti preziosi, che hanno consentito l'arrivo dell’ambulanza e il trasporto in codice rosso all' ospedale Policlinico Umberto I. Il giovane suicida, identificato poi come Michel Zama Massamba anni 21 di origine Congolese, residente con la famiglia a Mentana, era in cura presso il C.I.M. per problemi psichici. Gli inquirenti della Polizia di Stato, indagano per sapere la disamina del fatto, non escludendo nessuna ipotesi. Al vaglio sono state visionate le telecamere di sorveglianza presenti in stazione. Il giovane non era noto alle forze dell'ordine. La notizia è corsa ben presto su social, televisioni, giornali on line, e contemporaneamente su forum e blog riguardanti le G.p.G. Le migliaia di guardie, che regolarmente svolgono il loro operato, garantiscono la sicurezza e l’incolumità di tutti, sia di giorno che di notte, molto spesso anche con lunghi orari, turni massacranti e in condizioni precarie, adempiendo sempre con serietà al loro servizio, perché credono fino in fondo nella Giustizia, avendo prestato giuramento, nelle varie Prefetture di appartenenza.

Articolo scritto da Mario Di Marzio

© Riproduzione riservata