I Veri Eroi Sono Panettieri E Fornai

Oggi vogliamo dare uno sguardo a chi lavora da anni sempre di notte, senza tregua .

stampa articolo Scarica pdf



oggi vogliamo dare uno sguardo a chi lavora da anni sempre di notte, senza tregua, valutando con oggettività i contenuti.


In questo momento storico particolare per l'umanità torna alla stampa la curiosità per Medici e Infermieri, categorie già ampiamente utilizzate e raccontate nelle serie televisive in maniera a volte eroica, e spesso (Troppo spesso) solo positiva.E' vero, sono tutti impegnati per l'emergenza pandemica ( Emergenza pandemica? Davvero dite? ) e questo ci fa apprezzare il loro lavoro ( Che conosciamo molto bene e che spesso abbiamo visto fare senza molto trasporto n.d.r ) ma non basta per creare un nuovo Eroe nazionale.

Domani infatti torneranno ad essere chiamati  “pulisci culo” che erano prima, sottopagati e senza nessun sindacato di riferimento adeguato, purtroppo.I medici al soldo delle case farmaceutiche che testeranno il nuovo prodotto figlio del vecchio per avere qualche rivista su un Magazine di gestione Ndranghetista che li strozzerà con la corda del provolone se non rispetteranno le Guide Lines Americane.

E' troppo facile essere populisti e continuare a mettere i riflettori su quello che funziona, e con questo articolo leggermente provocatorio vogliamo dare uno spunto di riflessione avvincente.

Ci emoziona pensare a quegli infermieri e medici a rischio di vita, vestiti in maniera protettiva con guanti e mascherine, che stanchissimi per il lavoro svolto all'umanità, collassano sulle sedie e sulle scrivanie ( Dove ogni tanto, sonnecchiavano anche prima. Sempre n.d.r )

Basta ipocrisie.

Tra le categorie che non hanno ricevuto adeguato rispetto dalla nostra comunità ce ne sono molte, tra queste sicuramente i Panifici. Panettieri e Fornai costretti dal ciclo di lievitazione a dover lavorare di notte per fare qualcosa di antico e profondamente alchemico che sembra banalizzato ad un semplice morso.Nessuno si è mai fermato a pensare a quanto forte sia l'impegno che questi omini con le loro rozze mani mettano tutte le notti per portarci il pane in casa e i prodotti di prima necessità sulle nostre tavole.

Insegneremo ai nostri figli il valore di quello che utilizzano senza dargli per forza una immagine forzata di un Supereroe?E' di questa necessità di postare, twittare, editare nuove figure ( che nuove non sono affatto) che ci smuove la bile nervosamente.


Medici e Infermieri devono contribuire alla divulgazione di informazione, senza difendere a spada tratta l'allarmismo giornalistico solo per risultare egocentricamente i salvatori dell'umanità!
Anche loro sono avvolti nell'ignoranza misteriosa di questo strano Virus che li lascia seguire come marionette linee guida della quale sono sempre stati a conoscenza nei normali tirocini universitari. Lavarsi le mani, disinfettare i luoghi, fare manovre di protezione per il paziente possibilmente non invasive, studiare i farmaci ( Testarli molte volte come nel caso dell'oncologia ) e portare poi un Report a Papà Burioni e Mamma Oms. Scandali molteplici sono stati dimostrati negli anni scorsi nella sanità e non si parla solo di gestione politica ma anche di servilismo, e di inserimento obbligato in centri di lavoro sotto spinta mafiosa e silente. Diciamolo chiaro.

Se arriva un terremoto ci sono i Pompieri. Se scoppia una guerra ( Ma quando mai, troppo vili ) l'esercito Italiano è in prima linea.
Seh, certo, sono in terza linea dopo Francesi e Americani e lo sanno bene le forze dell'ordine che leggono questo articolo, costretti a fare un lavoro quasi vano in zone di guerra, a distribuire medicinali come fossero portantini. Nessun rispetto per loro, nonostante abbiano spesso dimostrato valore.

Abbiamo capito un pochino meglio il lavoro duro dei Fornai e dei panettieri con il coraggioso e cocainomane (Le cose a volte vanno di pari passo ) Gabriele Bonci, romano tosto, che con il suo programma Pizza Hero ha portato uno spaccato reale della vita di questi individui che vivono di notte e che si distruggono l'esistenza.

 Uno stipendio medio di un Panettiere parte da milletrecento euro fino ad arrivare a tremila euro e sono tutti meritati. Lavorare di notte non è certo uno scherzo.Il disturbo mentale che questo crea è sempre sottovalutato, e in una situazione come il Covid19 non c'è tempo per ringraziare abbastanza chi si offre tutti i giorni con un sacrificio immane.

Le famiglie dei panettieri poi sono costrette a vivere senza i loro cari a fianco, perché quando tornano da lavoro davvero collassano sul letto e si svegliano solo per mangiare e tornare a fare il pane.
Che vita è questa allora, e quanto pane stanno producendo oggi con il Coronavirus? Non si parla abbastanza del loro corpo che si destabilizza perché non capace più di riposare, e le ossa lentamente si abituano a sollevare sacchetti di Farina da minimo venticinque chili. Tutti i giorni.
Qualche anno fa, gli ultimi sparuti anziani della Confederazione Artiginale Italiana hanno provato a far valere la propria idea chiedendo maggiori tutele per Fornai e Panettieri e per chi lavora di notte ma gli sono state negate poiché non rientrava nella categoria “Lavori usuranti”. Ecchestè.


Provate a stare svegli tutte le notti tra farine che vi distruggono i polmoni, e il Coronavirus sarà una passeggiata a confronto.Con questa provocazione vogliamo portare all'attenzione, l'attenzione stessa. In questo momento storico o si salvano tutti o non si salva nessuno, e per essere veramente coesi dobbiamo essere rispettosi verso tutte le categorie che in questo periodo si stanno occupando di gestire l'emergenza continuando a fare il loro lavoro tutti i giorni. Non solo quelle che nei film vengono bene.Vogliamo e dobbiamo ribellarci alle idee che vengono costantemente incanalate dalla scelta di redattori televisivi che hanno sempre lo stesso spirito di scrittura.Se populista funziona, e se lontano dalla verità meglio perché non disturba affatto. 

Il nostro pensiero va a tutti, anche a loro, che sicuramente staranno creando qualcosa di così interessante che la televisione di Regime di sicuro divulgherà.Intanto, mentre ci svegliamo in questi giorni d'agonia ( Perché ci stiamo stancando di riposarci veramente ) , qualcuno va a dormire e sa nel cuor suo che per sfamare la sua famiglia ha fatto le cose giuste senza dover scendere a compromessi della quale si parla sempre poco, come quello dei Professori con i baffi che ricevono più di quanto hanno dato. Aveva ragione Alberto Sordi vestendosi da Dottor Terzilli.Panettiere Eroe Nazionale perché da anni fanno sempre lo stesso, e permettono sempre di sopravvivere a tutti noi.Infermieri e Medici dovrebbero essere collaborativi con la comunità e invece come i V.I.P ci consigliano di stare in casa senza darci maggiori spiegazioni.Che fossero anche loro delle pedine in difficoltà?

A cura di Manuel Berardicurti



© Riproduzione riservata