DEFENDER EUROPE 20 : MIGLIAIA DI SOLDATI USA IN EUROPA. I PERCHE’

DEFENDER EUROPE 20 : MIGLIAIA DI SOLDATI USA IN EUROPA. I PERCHE’

Come anticipato da questa testata , Il Comando per l’Europa delle Forze armate Usa ha gia’ fermato l’enorme spiegamento di forze militari in Europa , prendendo atto dei rischi legati alla pandemia ed alla forte impopolarita’ dell’operazione. Ma quali erano le vere intenzioni degli americani?

stampa articolo Scarica pdf

Come anticipato da questa testata , Il Comando per l’Europa delle Forze armate Usa ha gia’ fermato l’enorme spiegamento di forze militari in Europa , prendendo atto dei rischi legati alla pandemia ed alla forte impopolarita’ dell’operazione .

Sono arrivati solo 6 mila dei 20 mila soldati americani previsti ed e’ in programma il rimpatrio di circa la meta’. Resta nel continente una sola brigata che condurra’ una marginale esercitazione chiamata Allied Spirit. Ma quali erano le vere intenzioni della piu’ rilevante operazione militare in tempo di pace dal periodo della guerra fredda?

Il messaggio al mondo e’ chiaro ed e’ stato ormai decodificato da tutti gli analisti geopolitici e militari : Gli Usa all’Europa , militarmente , non rinunciano ma anzi rilanciano e sono disposti a dimostrare alla Russia , occupando lo spazio tra Berlino e Mosca , che intendono garantire la sicurezza del continente a tutti i costi con esercitazioni mastodontiche che si svolgeranno ogni anno . Loro sono Defender Europe , i difensori dell’Europa , appunto.

E c era da aspettarselo con l’avvento del presidente Trump alla guida del paese a stelle e strisce , basti pensare che le truppe gia’ stanziate nelle varie basi continentali sono notevolmente aumentate cosi’ come i fondi assegnati al Comando militare Usa in Europa.

Insomma Defender Europe è diretta conseguenza di ingenti investimenti partiti subito dopo la nomina di Trump quale comandante in capo dell’esercito Usa , qualifica che spetta di diritto ad ogni presidente americano .

Ricordiamo infatti che gli Usa avevano inizialmente organizzato la mobilitazione in Europa di oltre 20 mila militari da praticamente metà del paese (23 Stati su 50), a cui si dovevano aggiungere ulteriori 9 mila già presenti nel nostro continente e 8 mila forniti da 15 nazioni appartenenti alla Nato , compresa l’Italia con due reparti dell’esercito , uno della Brigata Garibaldi e l’altro della Folgore per un totale di oltre 37 mila unita’ .

Ma d’altronde la presenza degli americani in Europa non e’ una novita’fin dalla fine della seconda guerra mondiale , considerando che ci sono attualmente circa 66 mila militari dislocati in varie basi ed i due paesi che li ospitano in numero piu’ consistente sono Germania con 35 mila unita’ ed Italia con 13 mila .

E gli altri stati della Nato ?

Non vi e’ dubbio che permane ancora , e forte , una sudditanza militare nei confronti dell’alleato americano che si traduce nella difficolta’ , da parte dei singoli stati europei , di approntare autonome decisioni militari , anche solo legate ad esercitazioni continentali di vasta scala .

I difensori dell’Europa rimangono sempre gli americani , insomma , e ce lo vogliono ricordare meglio d’ora in poi , con Mosca che guarda alla finestra .

Cristian Coppotelli per UnfoldingRoma

© Riproduzione riservata