LEGGE SU AGRICOLTURA SOCIALE NON PIU’ RIMANDABILE

LEGGE SU AGRICOLTURA SOCIALE NON PIU’ RIMANDABILE

“Chissà che non sia arrivato il momento di investire tutte le energie possibili per costruire un Paese solidale e più equo”.

stampa articolo Scarica pdf

LAZIO, LEGGE SU AGRICOLTURA SOCIALE NON PIU’ RIMANDABILE. DA RETI DI ECONOMIA SOCIALE APPELLO ALLA REGIONE LAZIO

Con queste parole inizia l’“Appello per il riconoscimento dell’Agricoltura Sociale nella Regione Lazio” lanciato da un gruppo di aziende, cooperative agricole sociali e associazioni del Lazio che da decenni sono impegnate a coniugare la sana agricoltura con i servizi alle persone più fragili, una pratica che oggi trova nella 141/2015 “Disposizioni in materia di agricoltura sociale” una sua definizione e un suo riconoscimento nazionale.

I primi firmatari dell’Appello sono Salvatore Stingo (Agricoltura Capodarco, Grottaferrata), Alessandro Babolin (il Trattore, Roma), Salvatore Carbone (La nuova Arca, Roma), Laura Ciacci (Campagna Sabina, Rieti), Maurizio Ferraro (Cooperativa Garibaldi, Roma), Mauro Giardini (Selva Grande, Roma), Carlo Patacconi (Agricoltura Nuova, Roma), Donatella Scalzi (AAIS Onlus Impresa Sociale, Bracciano) e Andrea Spigoni (Alicenova, Viterbo).

“La pandemia ha portato - secondo i produttori delle reti economiche solidali - un numero maggiore di persone a riconoscere il vantaggio di questi sistemi di produzione, che promuovono un approccio resiliente, agroecologico, attento al clima ed al paesaggio, rispettoso della legalità nei rapporti di lavoro.

La crisi sanitaria legata al Covid-19 ha inoltre palesato l’importanza di un sistema di prossimità dei servizi socio-sanitari e le aziende agricole sociali rappresentano veri presidi per le comunità locali oltre che una grande opportunità per i giovani imprenditori e per le piccole e medie imprese agricole.

Chiediamo con forza alla Regione Lazio – scrivono i promotori - la ripresa di un iter verso la legge regionale dell’agricoltura sociale, un percorso iniziato quasi 10 anni fa e che necessita di essere portato a compimento in tempi rapidi per riconoscere un settore strategico per lo sviluppo del Lazio.

L’Appello è rivolto a tutti coloro che credono in un nuovo modello di agricoltura che coniuga sostenibilità ambientale, sociale ed economica.

Il tempo per una legge sull’Agricoltura Sociale nel Lazio non è più rimandabile”.

L’Appello si può leggere e sottoscrivere direttamente alla pagina web www.agricolturasocialelazio.it o inviando una mail a adesioni@agricolturasocialelazio.it.

© Riproduzione riservata