Reddito Di Cittadinanza I Fratelli Biachi Su I Social Media, Ostentavano Una Vita Da Vip

Reddito Di Cittadinanza I Fratelli Biachi Su I Social Media, Ostentavano Una Vita Da Vip

Alle soglie del Referendum del taglio dei parlamentari, il fatto di cronaca che ancora e’ ci sconvolge e’ l’omicidio del ragazzo Willy Monteiro, tra la notte del 5 e 6 settembre.

stampa articolo Scarica pdf

Reddito di cittadinanza

Alle soglie del Referendum del taglio dei parlamentari, il fatto di cronaca che ancora e’ ci sconvolge e’ l’omicidio del ragazzo Willy Monteiro, tra la notte del 5 e 6 settembre, fuori un Pub a Colleferro, per sedare una rissa, e’ rimasto ucciso, dopo essere stato picchiato selvaggiamente con calci e pugni, da un branco composto da 4 ragazzi. I fratelli Bianchi, Marco e Gabriele, Mario Pincarelli sono in carcere e Francesco Belleggia accusati dell’omicidio di Willy, dopo un controllo da parte della Guardia di Finanza sul loro stile di vita, lussuoso, erano riusciti ad accedere al reddito di cittadinanza. Su i social media, ostentavano una vita da Vip, auto di lusso, vacanze di lusso su yacht, cene il location costose, vestiti firmati, orologi e gioielli. insomma una vita da nababbi. La Guardia di Finanza chiede alla Procura di Velletri. il sequestro dei beni, ai 4 ragazzi, per un valore di 27 mila euro, poiche’ avrebbero omesso di indicare nelle autocertificazioni compilate, dati dovuti creandosi in tal modo le condizioni per accedere al beneficio. I fratelli Bianchi hanno negato di essere beneficiari del reddito di cittadinanza, ma i controlli delle Fiamme Gialle, ha rilevata la falsa dichiarazione presentata all’ INPS e ha segnalato la vicenda, per richiedere la sospensione del reddito di cittadinanza, e hanno invitato la Procura al sequestro dei conti correnti. Il legale Massimiliano Pica, dei due gemelli Bianchi, assicura che non sapevano nulla. Le indagini proseguono per chiarire come si possa percepire uno strumento di Welfare, a ragazzi che avevano 10 denunce, in 2 anni, per lesioni, e che passassero le serate a riscuotere denaro a suon di botte, essendo professionisti del recupero crediti di pusher locali. Ad oggi i fratelli Bianchi hanno 8 procedimenti penali relativi a risse e spaccio di stupefacenti, oltre all’omicidio di un ragazzo di 21 anni. Le indagini faranno il loro corso, ma l’ interrogativo e’ su come nessuno controlli, se realmente il beneficiario di questo strumento di sussidio sociale, sia veramente bisognoso, basterebbe fare accertamenti piu’ oculati, cosi’ riscontrare la veridicita’ di un’ autocertificazione cartacea non reale sulla condizione economica, del richiedente. Speriamo che da questo fatto di cronaca, si possa lavorare ad un miglioramento nel controllare meglio le domande dei richiedenti di reddito di cittadinanza.

Fabio La noce

© Riproduzione riservata