E' Morto Giampiero Galeazzi, Il Giornalista E Volto Tv Aveva 75 Anni

E' Morto Giampiero Galeazzi, Il Giornalista E Volto Tv Aveva 75 Anni

Un passato da canottiere, Galeazzi combatteva da tempo contro il diabete. Le sue telecronache resteranno nella memoria di tutti gli italiani appassionati di sport

stampa articolo Scarica pdf

Il mondo del giornalismo perde una figura di spicco nel panorama sportivo nazionale. All’età di 75 anni  è venuto a mancare Giampiero Galeazzi. Inviato storico della RAI, dopo anni di professionismo nel canottaggio vinse una medaglia al valore atletico. Piemontese di nascita ma romano di adozione. Nel calcio lanciò il suo modo di fare giornalismo. Cronista dal lessico semplice, da incursione negli spogliatoi per captare le sensazioni di giocatori e allenatori. Ma anche bordocampista con il microfono sempre in mano per fare dell’informazione a caldo il suo cavallo di battaglia. Lo scudetto del Napoli, Maradona, lo Scudetto della Lazio, gli anni della Juventus, della Roma, ma anche posizioni delicate come lo scandalo scommesse. Sempre sul campo. Voce raffinata e competente, con la Domenica Sportiva è entrato nelle case degli italiani per raccontare un calcio distante anni luce. Di corporatura massiccia imponeva il suo stile. “Bisteccone” è il soprannome datogli dal collega Gilberto Evangelisti che lo rese famoso.. Giampiero Galeazzi è stato soprattutto l’inviato di punta nei giochi olimpici, un mondo mai abbandonato del tutto. Da Monaco 1972 sino a Pechino 2008. Un lungo percorso fatto di sensazioni raccontate a modo suo con grande trasporto, su tutti le imprese dei fratelli Abbagnale e quella di Antonio Rossi e Beniamino Bonomi. Nel curriculum, oltre ad aver legato la sua vita alla RAI, anche una apparizione al Festival di Sanremo nella veste insolita di doppiatore. Grande amico di Mara Venier è stato oggetto di imitazione e doppiaggi. Scompare un personaggio dallo spiccato umorismo e da una simpatia ricordata da tutti.

Mirko Cervelli Desideri

© Riproduzione riservata