Squid Game è Un Avviso Memecoin Con Wipeout Dopo Il 230.000 Di Guadagno

Squid Game è Un Avviso Memecoin Con Wipeout Dopo Il 230.000 Di Guadagno

Sempre più persone sono attratte da investimenti in criptovalute e i motivi sono ovvi. I negozi online hanno iniziato ad accettare monete virtuali per i pagamenti

stampa articolo Scarica pdf


Sempre più persone sono attratte da investimenti in criptovalute e i motivi sono ovvi. I negozi online hanno iniziato ad accettare monete virtuali per i pagamenti, ma è possibile anche usare i token per giocare da smartphone o al pc o semplicemente lasciarli nei portafogli virtuali come fondo di emergenza.

Soprattutto ultimamente le aspettative di rendimenti elevati sono state confermate dall'aumento del valore del Bitcoin di oltre 80 volte dalla sua uscita pochi anni fa o dalla corsa al rialzo di valute definite "memecoin", nate cioè quasi per scherzo, come Dogecoin e Shiba. La cosa che sorprende è che non ci sono motivi particolari perché, soprattutto questo ultimo tipo di valute, continui a crescere.

Quello delle criptovalute è però un mercato decisamente volatile e per l’investitore medio o inesperto è facile cadere nella trappola effimera dei grandi numeri, rimanendo abbagliato dall'idea dei guadagni facili.

L’ultima riprova a questo argomento è la valuta ispirata alla serie Netflix del momento, Squid Games. SQUID, così si chiama l'ultima nata della serie memecoin, è inspiegabilmente salita di oltre il 230.000% in una settimana solo per poi crollare rovinosamente del 100% con la stessa velocità, ritrovandosi a meno di mezzo centesimo di valore.

Il boom e il crollo di Squid sono un segno della mania da criptovalute: la possibilità che la domanda finisca improvvisamente o, peggio, che gli sviluppatori abbandonino un progetto e fuggano con i fondi in una truffa nota come "rug pull". CoinMarketCap, il sito di trading tra i più famosi al mondo, ha pubblicato un avviso per gli investitori per metterli in guardia dopo aver ricevuto più segnalazioni secondo cui gli utenti non erano in grado di vendere i token della moneta.

Henri Arslanian, leader e partner di criptovaluta di PwC ha affermato su Bloomberg che pochissimi acquirenti al dettaglio si prendono il tempo per capire effettivamente come funzionano i meccanismi di mercato e le strutture sui quali si basano gli scambi.

Sempre Arslanian si rivela dispiaciuto nel vedere come alcune monete virtuali, nate per gioco abbiano avuto più fortuna sul mercato rispetto ad altre per cui ci sono voluti anni di ricerca e sviluppo in innovazione.

A quanto pare i giovani investitori sono attratti da guadagni facili anche se comportano alti rischi. La storia degli investimenti è piena di esempi di salite vertiginose e crolli dolorosi. Si possono definire le criptovalute come una mania tutta moderna legata alla diffusione di dispositivi smart, ma caratterizzata da una bassissima "scolarizzazione " in merito. Gli investitori in Squid hanno però già imparato una bella lezione a riguardo.

Marco Dal Puppo 

© Riproduzione riservata