Riunione Periodica Sulla Sicurezza: Cos’è A Cosa Serve

Riunione Periodica Sulla Sicurezza: Cos’è A Cosa Serve

monitorare comportamenti e misure per prevenire rischi per i lavoratori. Allo stesso modo, le riunioni periodiche hanno anche lo scopo di continuare a migliorare la condizione generale di sicurezza in azienda.

stampa articolo Scarica pdf

Riunione Periodica sulla Sicurezza: cos’è a cosa serve

RSPP, Medico competente e datore di lavoro, insieme ad altre figure importanti per la sicurezza sul lavoro, a tenere riunioni periodiche, generalmente annuali, sulla sicurezza sul lavoro.

La cosiddetta Riunione Periodica ha quindi la funzione di monitorare comportamenti e misure per prevenire rischi per i lavoratori. Allo stesso modo, le riunioni periodiche hanno anche lo scopo di continuare a migliorare la condizione generale di sicurezza in azienda.

La Riunione Periodica è obbligatoria?

La Riunione Periodica è obbligatoria in tutte le attività produttive che contano più di 15 lavoratori. E’ il datore di lavoro che è tenuto a indire tale riunione almeno (obbligatoriamente) una volta all’anno.

Come si svolge la Riunione Periodica?

Durante la Riunione Periodica sulla sicurezza, le figure addette e responsabili per la sicurezza in azienda riesaminano il Documento di Valutazione Rischi e ne valutano la necessità di aggiornamento. Inoltre, si esamina l’andamento degli infortuni e delle malattie professionali: è un’attività fondamentale per quanto riguarda la Sorveglianza Sanitaria, anch’essa responsabilità del Medico Competente in collaborazione con il datore di lavoro.

E’ durante la riunione periodica che, inoltre, vengono programmati tutti gli eventi e interventi atti a ridurre il rischio presente in aziende e nelle attività produttive. I rischi vengono riveduti, le misure di prevenzione vengono esaminate e, qualora necessario, aggiornate.

Verbale della Riunione Periodica

Redigere il verbale della Riunione Periodica è obbligatorio. Deve essere firmato da tutti i partecipanti e deve essere messo a disposizione di tutti per eventuale consultazione.

Frequenza della Riunione Periodica per la Sicurezza

Come abbiamo accennato, il datore di lavoro è tenuto a indire la riunione periodica almeno una volta all’anno. Tuttavia, niente vieta ai responsabili per la sicurezza di incontrarsi con maggiore frequenza.

In particolare, sarebbe opportuno una riunione per la sicurezza ogni volta si verifichino importanti cambiamenti strutturali, tecnologici o anche organizzativi, per cui le attività vengono riviste e - pertanto - deve essere proposta una valutazione dei rischi e delle misure di prevenzione e protezione.

Chi partecipa alla Riunione Periodica

Come abbiamo accennato, alla Riunione Periodica partecipano:

- il datore di lavoro, che indice la riunione

- il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP)

- il Medico COmpetente

- IL Responsabile dei Lavoratori per la SIcurezza

Riunione Periodica: eventuali sanzioni

Come abbiamo accennato, la riunione periodica sulla sicurezza è obbligatoria per le unità produttive con più di 15 lavoratori. La mancata convocazione, pertanto, può far incorrere in sanzioni. In particolare, il Testo Unico prevede:

- per mancata convocazione della riunione periodica in occasione di significative variazioni delle condizioni di lavoro è prevista un'ammenda che va da circa 21000 euro a circa 4300 euro;

- per la mancata compilazione del verbale è prevista una sanzione dai 550 ai 2000 euro circa;

- per delle mancanze che il datore di lavoro può avere durante la riunione (come la mancata revisione del DVR) sono previste sanzioni che vanno dai 2100 euro circa ai 7200 euro circa.

-

Marco Dal Puppo


© Riproduzione riservata