Italiani E Spese Familiari: Nel 2021 Più Del 50 Per Cento Fatica A Fine Mese

Italiani E Spese Familiari: Nel 2021 Più Del 50 Per Cento Fatica A Fine Mese

Le famiglie italiane stanno attraversando un momento molto complicato. In realtà non si tratta di una novità.

stampa articolo Scarica pdf


Le famiglie italiane stanno attraversando un momento molto complicato. In realtà non si tratta di una novità, dato che negli ultimi anni ne sono successe di cose. Nel 2020 è arrivata la pandemia e la conseguente crisi economica, e ora bisogna affrontare tutte le conseguenze portate dal conflitto tra la Russia e l'Ucraina, come il caro prezzi. C'è un dato che preoccupa: nel 2021 più del 50% degli italiani ha avuto difficoltà ad arrivare a fine mese, per via della già citata pandemia.

La crisi economica e le difficoltà delle famiglie italiane

La crisi economica che ha colpito l'Italia nel 2020 è stata una delle peggiori degli ultimi anni. È stata causata dalla pandemia, che ha portato ad un calo della produzione e dei consumi e, di conseguenza, ad una diminuzione del PIL. Ciò ha avuto gravi conseguenze sull'occupazione, per via delle numerose chiusure che hanno riguardato le aziende. Il 2021 non è stato un anno migliore, perché i danni fatti dal Covid hanno continuato ad imperversare, con una sorta di "coda lunga".

Ecco spiegato perché lo scorso anno più della metà delle famiglie italiane ha avuto serie difficoltà a coprire le spese mensili. I dati risultano ancora peggiori se si considerano i nuclei familiari con un capo-famiglia lavoratore autonomo, arrivando oltre il 65%. Questi numeri bastano per capire che, a conti fatti, le condizioni relative al reddito nella Penisola sono peggiorate, e il 2022 ha proseguito lungo questa scia, con i rincari dei prezzi degli alimenti e dell'energia. In estrema sintesi, da un lato diminuisce il reddito delle famiglie, ma dall'altro aumentano i costi, rendendo la situazione spesso insostenibile.

Come gestire il budget familiare per attenuare la crisi

Di fronte a queste difficoltà, è importante attivarsi quanto prima per ridurre le spese, così da poter rientrare almeno in parte "nei ranghi". Il primo consiglio riguarda l'analisi delle proprie bollette, dato che le utenze rappresentano senza dubbio una delle spese fisse più ingenti. Oltre al consiglio di limitare i consumi in casa, è opportuno valutare operatori come Accendi luce e gas, per citarne uno, che operano nel mercato libero e propongono diverse tipologie di contratto, per andare incontro alle esigenze delle famiglie bisognose di ridurre le spese.

In secondo luogo, è necessario organizzarsi con un bilancio familiare: dunque un documento concreto, all'interno del quale mettere nero su bianco sia le spese, sia le entrate. In tanti agiscono ad esempio riducendo le spese superflue, come nel caso del panino comprato al bar in pausa pranzo. Altri sfruttano le nuove tecnologie come la domotica per abbattere i consumi, o le app che forniscono strategie e consigli per mettere da parte dei soldi ogni mese.

Marco Dal Puppo

© Riproduzione riservata