E’ Morto Vittorio Vallarino Gancia, Il Sovrano Dello Spumante Italiano

E’ Morto Vittorio Vallarino Gancia, Il Sovrano Dello Spumante Italiano

è morto all’età di 90 anni Vittorio Vallarino Gancia. Noto industriale italiano, per anni guidò la storica azienda Gancia.

stampa articolo Scarica pdf


E’ morto all’età di 90 anni Vittorio Vallarino Gancia. Noto imprenditore italiano, per anni guidò la storica azienda Gancia. La prima casa vinicola italiana, famosa per aver sviluppato uno spumante italiano con il rinomato ‘’ metodo classico’’o champenoise, quello adoperato per lo champagne.Azienda storica che venne fondata dal bisnonno nel lontano 1850.

Vittorio Vallarino Gancia nasce il 28 Ottobre del 1932. Inizia il suo impegno con l’azienda nel 1957, occupandosi delle esportazioni. Dopo aver concluso con successo la laurea in scienze politiche all’Università di Torino. Nel 1973 divenne l'amministratore delegato della F.lli Gancia & C.

Durante la sua illustre vita ha ricoperto varie cariche, tra cui il ruolo di Presidente del Consorzio dell’Asti e di Federvini. Negli anni settanta fu vittima di uno dei più noti sequestri della storia. Secondo a quanto narrano le cronache del tempo. Gancia venne rapito dalle brigate rosse il 5 Giugno del 1975. L’organizzazione terroristica chiese un riscatto di un miliardo di lire. Una cifra astronomica secondo i tempi. Purtroppo il rapimento si risolse in un violento conflitto a fuoco, in cui vennero impiegate armi automatiche e bombe a mano . Questo avvenne il giorno dopo il sequestro, precisamente nella zona dove il noto industriale era rinchiuso, una cascina a Spiotta d’Arzello, vicino ad Acqui Terme. In questo conflitto morirono la terrorista Mara Cagol, nonché fondatrice del gruppo armato, e il giovane il carabiniere Giovanni D’Alfonso.

Dopo questo brutto episodio Gancia si dedicherà alla sua vita imprenditoriale. Nel 1994 il Presidente della Repubblica Italiana Scalfaro lo nominerà cavaliere del lavoro. Una carriera costellata di successi. Esportando il marchio made italy nel mondo.

Lo spumante Gancia diventare il rivale dello champagne francese. Nonostante ciò, rimane per molte famiglie italiane l’elemento fondamentale per accompagnare le feste natalizie e ricorrenze. Magari accompagnato con un dolce o la classica fetta di panettone o pandoro. Come dimostrano i dati dei consumi delle famiglie italiane lo spumante è un alimento insostituibile. Anzi è tra i più richiesti nel mercato. Apprezzato non solo in Italia ma anche all’estero.

Come noi sappiamo e come racconta la stampa del tempo, Vittorio Vallarino Gancia lasciò il testimone, divenne il presidente onorario ma il marchio Gancia è intramontabile.

Corsini Alessandro


© Riproduzione riservata