Vacanze Romane: Roma Piena Di Turisti Esteri E Di Mancati Turisti Romani

Vacanze Romane: Roma Piena Di Turisti Esteri E Di Mancati Turisti Romani

Dal 1 al 31 agosto chiuso per ferie: ci trovate nella casa al mare. Tutto questo, purtroppo, appartiene al passato. Nel 2019 non si riesce più a fuggire dalla Capitale, o, se lo si fa, è per una o due settimane al massimo. Ne parliamo con un esperto del settore: Orlando Orlandi.

307
stampa articolo Scarica pdf

Le visite ai musei capitolini aumentano in estate. Questo lo si deve in parte all’afflusso dei turisti, per i quali però, la maggiore affluenza si ha in primavera ed in autunno, a causa del nostro clima estivo difficile da affrontare per i nordeuropei. Buona parte degli ingressi è, però, dovuta ai residenti, che rimanendo in città approfittano per vivere da turisti dove possono: ovvero a casa loro.

Le abitudini dei capitolini in fatto di vacanze sono, infatti, notevolmente mutate.

La crisi impedisce a molte famiglie di affrontare un mutuo per la prima casa. Risulta, dunque, impossibile, anche solo concepire l’idea della seconda casa al mare. Coloro che le hanno ereditate dalla più fortunata generazione precedente, le trovano molto costose da mantenere, (le tasse sulle seconde case hanno avuto la loro parte), ed in molti le hanno vendute.

Per vivere nella capitale, inoltre, nelle famiglie si lavora in due e si sa, i nuovi contratti di lavoro non permettono certo ferie estese. Al massimo, chi lavoro in azienda ha a disposizione tre settimane di stop, quasi sempre a ridosso di Ferragosto.

Il che è un bene o un male?

Abbiamo voluto chiarirci le idee, con un esperto del settore.

Ci siamo così recati nel sempre elegante quartiere dei Parioli, per incontrare Orlando Orlandi, Travel Senior Consultant per il Tour Operator e Travel Agency TMC Travel, una delle realtà più prestigiose della Capitale nel settore del turismo.

Come sono cambiate le abitudini di viaggio dei romani nel corso degli anni?

Sono cambiate parecchio, perché le vacanze fino a otto/dieci anni fa avevano una durata media di due settimane consecutive, ed avvenivano nel periodo tradizionale di luglio e agosto.

Negli ultimi anni, invece, la durata delle vacanze si ridotta di circa la metà. I villeggianti, inoltre, cercano, in molti casi, anche di evitare le due settimane centrali di agosto, che sono le più costose da listino.

Possiamo dire quindi con certezza che il trend degli ultimi anni è quello di diversificare anche i momenti di vacanze, scegliendo anche periodi alternativi.

Sono, ad esempio, notevolmente aumentate le richieste per settembre, periodo in cui le tariffe scendono in maniera considerevole. Altri nostri clienti scelgono, invece, di fare vacanze nei long weekend, (i cosiddetti ponti ndr). Molti si organizzano trascorrendo una settimana di vacanze a luglio, e poi due weekend lunghi, uno a settembre, sempre di villeggiatura, ed uno a dicembre, magari in un capitale europea.

Tutte queste soluzioni hanno lo scopo di essere meno dispendiose.

Il mito della sparizione in agosto, dunque, non tiene più?

Possiamo affermare senza timore di errore che è caduto il mito delle lunghe villeggiature da fare obbligatoriamente ad agosto.

Una obbligatorietà che, spesso, più che dai periodi di chiusura aziendale, derivava da una questione culturale, quasi un obbligo sociale.

I nostri clienti, ora, al contrario, oppongono forte resistenza di fronte a preventivi che, per le stesse strutture ed alle stesse condizioni, propongono prezzi raddoppiati quando il periodo da giugno diventa agosto. Non sono più così disposti, ed in molti casi non hanno neanche la possibilità, di accettare questa stato di cose.

Possiamo fare degli esempi su alcuni costi medi?

Una settimana ad agosto in un buon villaggio, per due adulti e due bambini, si aggira almeno sui €4000.

È facile comprendere perché la clientela opti per un’unica settimana, anziché due, come veniva tempo fa; ed è anche comprensibile perché molti ripieghino per altri periodi.

Lo stesso vale per le coppie. Una settimana in un resort può costare dai €2500 ai € 3500.

Qual è di solito il finale?

Vendiamo per lo più pacchetti di una settimana. Il resto delle ferie, viene trascorso dalla nostra clientela in città.

Ringraziamo Orlando Orlandi e ci troviamo così svelato l’arcano delle forti presenze a Roma durante il mese di agosto.

Abbiamo intervistato Orlando Orlandi, Travel Senior Consultant per TMC Travel – Via di Villa Grazioli 1 - 06/85304600 – Info@tmctravel.itwww.themediacompany.it/tmc-travel/

Articolo di Gioia G. Di Mattia

© Riproduzione riservata