Chiara Squarise

Recensione del libro Lise ama Lolita

stampa articolo Scarica pdf

“Lise ama Lolita” è l’esordio letterario della padovana Chiara Squarise, edito da Intrecci editore. Il titolo riprende il nome dei due personaggi principali, nonché il tema del romanzo, ovvero la passione amorosa.

Lolita è docente all’interno della facoltà di Lettere Antiche, dove insegna ermeneutica artistica e mitologia. Ha quarantadue anni ed è sposata da venti con Nicola, con cui intrattiene uno stanco rapporto di coppia. Un giorno, alla fine di una lezione, incontra tale Lise, una ragazza messicana la cui peculiarità è la grande bellezza ammaliatrice. Questo tête-à-tête le cambierà la vita, facendole scoprire la sua omosessualità e appassionandola alle vicende di una donna che ha la portata di un fulmine in un’esistenza che ormai si trascinava, sapendo di stantio e di monotonia.

Entrambe le protagoniste sono reduci da un passato burrascoso: Lolita è segnata da un patrigno che le ha sempre condizionato la vita, mentre Lise è scappata da una famiglia di narcotrafficanti. Due mondi apparentemente agli antipodi ma ugualmente solcati dalla sofferenza, il cui incontro avviene all’insegna dell’intensità. Nel perseguire il sogno di un futuro assieme, le due ripercorrono il loro passato, ma proprio quando pare avvenire l’incastro perfetto, succede un imprevisto che potrebbe guastare ogni piano. Il risultato è tutto fuorché scontato.

“Per caso ho incontrato una ragazza della Costa d’Avorio. Era di passaggio per raggiungere la sua famiglia a Lione. Mi ha raccontato la sua storia prima di andare via. Quella stessa notte mi sono svegliata e ho sentito il bisogno di scrivere e dare forma al flusso creativo. Così è nato questo libro”. Così la Squarise circa la genesi del suo primo romanzo.

 Chiara Zanetti

© Riproduzione riservata