La Filosofia Del Sole - Michela Zanarella

La Filosofia Del Sole - Michela Zanarella

In questa nuova raccolta poetica, Michela Zanarella (poetessa in grado di accarezzare i versi col guanto idoneo, raffinato!), s’inonda di sole, di quel calore che tanto sprofonda nel suo cuore a tratti lucente, a tratti malinconico.

stampa articolo Scarica pdf

La filosofia del sole - Michela Zanarella

In questa nuova raccolta poetica, Michela Zanarella (poetessa in grado di accarezzare i versi col guanto idoneo, raffinato!), s’inonda di sole, di quel calore che tanto sprofonda nel suo cuore a tratti lucente, a tratti malinconico. Ogni lirica, è sinonimo di quel pensiero tanto imprigionato, quanto nell’anima, custodito con cura in una dimensione visibile ed impercettibile: la filosofia del sole (Edizioni Ensamble), è un luogo pregnante, coscienzioso, impreziosito da un riverbero che affonda la sua raccolta quiete, nel magico territorio degli organi di senso; in ogni poesia, c’è il mondo circostante che prende vita e forma come se fosse lo sguardo stesso della poetessa (attento, curioso e vigile), a creare il proprio pertugio lillipuziano e filosofico (seppur illimitato), dove potersi oculatamente rifugiare. Michela, tenta di colmare ogni distanza, ogni abile silenzio, attraverso l’utilizzo di immagini personalizzate, frutto dell’esperienza che la vita stessa gli ha donato, con premura, valentìa e pazienza: nutrire lo sguardo di una moltitudine di albe/ distanze, segrete alleanze/ e avere la possibilità di portare l’anima/ oltre il tempo/ in quell’abbondanza di silenzio/ dove il cuore è attratto da echi di sole/ e l’amore si avvicina/ a un’ipotesi di stelle. Tutto sembra essere avvolto da una “serie di sogni” che avanzano prudentemente all’interno dell’accelerazione cosmica, che gradualmente, si dilata nella sua espansione accelerata; il bisogno di scrutare luoghi sconosciuti, la necessità di avvicinarsi agli angoli più remoti dell’immaginazione, si fondono in un tutt’uno dando vita, anima e respiro, ad un vero e proprio capolavoro poetico.

FABIO STRINATI

© Riproduzione riservata