Il Regno Unito Stanzia 1,5 Miliardi Di Sterline Per Il Settore Artistico

Il Regno Unito Stanzia 1,5 Miliardi Di Sterline Per Il Settore Artistico

Nel Regno Unito l’artista è considerato un lavoratore al pari degli altri e tutelato dallo Stato. Dopo che Sam Mendes ha istituito il Theatre Artists Fund, Boris Johnson ha promesso un enorme gettito di denaro nel settore dello spettacolo che pare non avere precedenti

stampa articolo Scarica pdf

Domenica 5 luglio 2020 Boris Johnson ha dichiarato di voler stanziare 1,5 miliardi di sterline per mantenere a galla il settore artistico del Regno Unito, una somma definita “sorprendentemente ambiziosa” destinata a musei, gallerie, teatri e locali musicali.

Si tratterebbe del più grande investimento in unica soluzione nella cultura del Regno Unito.

Il drammaturgo James Graham, ha affermato: “Se questo pacchetto è ambizioso come sembra, allora le conversazioni all'interno del nostro settore ora dovranno rivolgersi a come potrebbe essere la nostra ripresa in termini di protezione di eventuali guadagni realizzati negli ultimi anni su inclusione, rappresentazione e diversità, e su come questo supporto possa raggiungere chi ne ha più bisogno, in particolare al di fuori di Londra”.

Boris Johnson ha dichiarato che l'arte e la cultura sono l'anima della nazione, dicendosi consapevole della necessità di preservarle per le generazioni future aiutando gruppi e luoghi artistici a rimanere a galla in questo lungo e drammatico periodo di chiusura forzata.

Il pacchetto include:

1) un piano di supporto da 1,15 miliardi di sterline per le organizzazioni culturali in Inghilterra, costituito da 270 milioni di sterline in prestiti e 880 milioni di sterline in sovvenzioni.

2) 100 milioni di sterline di sostegno mirato alle istituzioni culturali nazionali inglesi e al patrimonio inglese.

3) 120 milioni di investimenti di capitale per riavviare la costruzione di infrastrutture culturali e per progetti di costruzione del patrimonio in Inghilterra sospesi a causa della pandemia.

4) soldi extra per le amministrazioni decentrate, con 97 milioni per la Scozia, 59 milioni per il Galles e 33 milioni per l'Irlanda del Nord.

I grandi nomi dello spettacolo dal vivo inglese hanno elogiato, stupiti, questa iniziativa, augurandosi che ci sia un reale sostegno per il mantenimento e per la ripartenza.

Andrew Lloyd Webber, tra i più famosi impresari teatrali del mondo, ha dichiarato: “È assolutamente fondamentale che il settore culturale britannico sia rimesso in salute il prima possibile e non vedo l'ora di vedere i dettagli del pacchetto di salvataggio e lavorare ulteriormente con Oliver [Dowden, Segretario alla cultura] riaprendo al più presto tutti i teatri britannici, sia grandi che piccoli ".

Nonostante il grande gettito previsto, per molti è già troppo tardi: molte attività, come cinema, locali e teatri anche di prestigio, hanno già chiuso i battenti, pare, definitivamente.

La speranza è che questa immissione di liquidità raggiunga anche realtà minori o site in piccole città, attività fondamentai per le economie locali.

E’ troppo presto per dire se i fondi annunciati da Johnson eviteranno licenziamenti di massa nel settore dello spettacolo e intrattenimento

Intanto, Sam Mendes, regista cinematografico e teatrale, ha istituito un fondo di emergenza per i professionisti del teatro più a rischio. In questo caso, destinatari del fondo sono non le organizzazioni e le istituzioni, ma i singoli artisti che hanno più bisogno.

Si tratta del Theatre Artists Fund, un fondo che consente un rapido accesso a sovvenzioni: si parla di 1000 sterline una tantum a richiedente, rivolto ai freelance più vulnerabili.

Il fondo è stato istituito con una donazione iniziale di 500.000 sterline da parte di Netflixdopo che Mendes il mese scorso li aveva chiamati in causa facendo riferimento al grandissimo incremento che la Società aveva avuto proprio grazie alla pandemia.

Il Theatre Artists Fund è progettato per supportare coloro che non sono stati informati dai datori di lavoro, non hanno ricevuto SEISS (regime di sostegno al reddito da lavoro autonomo) e non sono stati in grado di lavorare da quando i teatri hanno chiuso a metà marzo a causa di Covid-19. 

Per poter beneficiare del fondo, i candidati devono aver lavorato a teatro tra il 1 ° gennaio 2019 e il 31 marzo 2020 e devono dimostrare di avere risparmi limitati. 

Il Theatre Artists Fund è stato istituito con The Society of London Theatre e UK Theatre il cui CEO, Julian Bird, ha invitato compagnie e individui "che hanno prosperato nel settore e coloro che non possono immaginare un futuro senza teatro" ad aiutare a sostenere il fondo. 

In un articolo sul Financial Times di giugno, Mendes ha fatto proposte pratiche per aiutare il teatro durante il periodo di chiusura. Oltre a chiedere ai servizi di streaming di intensificare e sostenere il teatro, ha proposto un aumento delle aliquote per il regime di sgravi fiscali del teatro, dal 20% al 50%, e ha invitato il governo a diventare un custode de teatro similmente ai privati che investono in produzioni e condividono i profitti di spettacoli di successo. "Questa non è una richiesta per un volantino, o per il supporto a lungo termine della vita", ha scritto, ma piuttosto un'offerta per il governo "per diventare partner in un business di successo”.

Questo accade nel Regno Unito. Lascio a voi i confronti con il nostro Paese (o paese?).


Fonte The Guardian


Flaminio Boni

© Riproduzione riservata