As Brilliant As The Sun

As Brilliant As The Sun

A Villa Ariani il viaggio artistico tra California e Roma di Camilla Boemio

stampa articolo Scarica pdf



Nella splendida cornice ottocentesca di Villa Ariani a Collevario in provincia di Macerata, la presentazione del volume As Brilliant As the Sun, di Camilla Boerio, dall’8 luglio al 14 luglio, la ricostruzione di un viaggio nelle pratiche artistiche tra Los Angeles e la città di Roma, luoghi d’arte che hanno uno stretto legame, accomunati da analogie e contraddizioni.

Il volume approfondisce lo stato dell’arte nei due luoghi tramite le conversazioni realizzare dalla scrittrice con Tom Marioni, e Sergio Lombardo e vanta la collaborazione con la piattaforma di ricerca d’arte visiva AAC Platform.

Dagli anni sessanta la California, ed in particolare San Francisco e Los Angeles sono state un terreno fertile per la sperimentazione, ed un contesto ideale per plasmare nuovi modelli di produzione artistica e di presentazione dell’arte.

La luce particolare della California del Sud, la creatività che si respirava ovunque, il lifestyle hanno creato un ponte creativo verso l’Asia e l’Europa, per poi successivamente si è esteso verso New York.

In questo particolare contesto l’arte visiva si è orientata verso la luce, lo spazio e le influenze asiatiche.

La California e Roma si sono dirette verso la ricerca, la cultura e l’interazione con il paesaggio, l’architettura, delineandone le nuove frontiere.

Il sole, la luce, il rapporto con lo spazio, la spiritualità, l’attenzione per la sperimentazione creano un parallelo tra due longitudini nelle quali vengono scelti dei progetti inediti degli artisti nei quali vengono evidenziate le tematiche sociali, l’attivismo, la diaspora, il rapporto con il paesaggio, il cambiamento in atto, i conflitti relativi all’identità ed alle nuove culture.

Nella sua narrazione, Camilla Boemio, nota curatrice e critica di arte contemporanea, ha messo in contatto artisti di generazioni diverse, provenienti da San Francisco, Los Angeles e San Diego, mappandoli e facendoli dialogare con la città di Roma. Nel volume troviamo quindi il gota dell’arte contemporanea visiva internazionale da Dean Smith, Cody Trepte, William E. Jones, Geof Oppenheimer, Tam Van Tran, Kevin Cooley e Phillip Andrew, Lewis Jamie Hamilton con Hannah Hughes, Stephanie Syjuco, Fabio Lattanzi Antinori, Mara De Luca, Peter Halasz, Adriano Valeri, Carly Chubak, Katherine Sherwood, lsmael de Anda III, Todd Gray, Nicole Eisenman, Catherine Opie, Maria Elisa D’Andrea, Mark Todd, Sean Noyce, Scarlet Mann, Curtis Stage, Katie Shapiro, Daniela de Paulis, Amir Zaki, Jebila Okongwu, Stefano Canto, Salvatore Arancio, Ryts Monet, Marta Mancini, Ra di Martino, Ludovica Gioscia, a Lapo Simeoni.

Il volume è edito da Vanillaedizioni, un editore rinomato per l’arte visiva e un punto di riferimento per i professionisti dell’arte, della cultura e del design.

Articolo di Stefania Vaghi

© Riproduzione riservata