Palazzo Merulana Torna Ad Accogliere Il Pubblico

Palazzo Merulana Torna Ad Accogliere Il Pubblico

Arte e la Rassegna NOTE DAL MONDO per il re-opening

stampa articolo Scarica pdf



Grazie alla sinergia tra la Fondazione Elena e Claudio Cerasi e CoopCulture, ha riaperto, lo scorso 15 luglio, Palazzo Merulana, con un programma ricco e variegato tra arte, cultura e musica.

Rinnovato nel suo allestimento e integrato di nuove opere inedite, il palazzo è pronto ad accogliere il pubblico, con la rassegna “Note dal mondo - Festival di musica e intercultura a Palazzo Merulana” nel segno della prosecuzione dell’intenso lavoro - portato avanti costantemente negli ultimi due anni - sui temi della multiculturalità e dell’integrazione attraverso l’arte.

Undici le serate musicali, tra luglio e settembre, curate da Linea D’arte, che si svolgeranno nei giorni di giovedì e di venerdì, dalle 19.00 alle 21.00 sulla Terrazza di Palazzo Merulana, per un pubblico soltanto di 60 persone, nel pieno rispetto delle normative anti-Covid vigenti.

Linea d’Arte è una cooperativa sociale integrata, che si occupa della promozione e valorizzazione del patrimonio culturale e nell’ideazione e realizzazione di eventi quali rappresentazioni teatrali e musicali.

Un vero e proprio Festival con artisti di diverse nazionalità che si alterneranno a musicisti italiani in nome della musica intesa come linguaggio universale trai popoli, strumento di abbattimento delle differenze e occasione di riscatto per i giovani talenti artistici.

Sul palco si esibiranno: l’orchestra di Stefano Cicconetti Band, con un repertorio che spazia dal jazz al blues, dal soul alla bossanova; il Gruppo MateMusic Band and Crew, formato da giovani artisti italiani, migranti e nativi di seconda generazione; Bifalo Kouyatè (Mali), coreografo e polistrumentista, figlio di una delle famiglie griot più importanti dell’Africa Occidentale; Tam Tam Morola (Senegal), il cui fondatore Moustapha celebra e promuove da più di vent’anni l’incontro di musica africana e occidentale; Rashmi Bhatt (India), da dieci anni Direttore Artistico del WORLD RHYTHM FESTIVAL a Perugia; Suoni dal territorio, una serata di musica che vedrà l’ensemble di musicisti migranti in rappresentanza delle comunità del territorio.

Partner dell’iniziativa sono la Stefano Cicconetti Band, il Centro Giovani MaTeMu e l’Associazione Officina delle Culture.

L'intera rassegna è dedicata alla memoria di Sèkou Diabatè, grande conoscitore della musica africana, proveniente dalla Costa d'Avorio ma residente da molti anni a Roma, e tristemente scomparso pochi mesi fa a causa del Covid-19.

Viene prorogata, fino al 30 agosto 2020, la mostra di Tina Modotti “L’Eros della Rivoluzione”. Sarta, burocrate, attrice, attivista, poliglotta, amante, spia.

Il progetto inedito dedicato a una delle figure più affascinanti del secolo scorso che ha inaugurato Roma Fotografia 2020 EROS lo scorso febbraio, e che si presenta, in questa riapertura con l’integrazione di alcune opere.

Nuove proposte culturali, quindi, per Palazzo Merulana che non smentisce il suo desiderio e la sua determinazione di continuare il bellissimo percorso di crescita e confronto culturale, iniziato nel 2018.

Articolo di Stefania Vaghi

© Riproduzione riservata