Le Immagini Del Giappone Di Maria Teresa Orsi E Fabio Sebastiano Tana

Le Immagini Del Giappone Di Maria Teresa Orsi E Fabio Sebastiano Tana

Un’opera a quattro mani “La neve di Yuzawa, immagini dal Giappone”, di Maria Teresa Orsi e Fabio Sebastiano Tana

stampa articolo Scarica pdf

Un’opera letteraria a quattro mani “La neve di Yuzawa, immagini dal Giappone”, di Maria Teresa Orsi e Fabio Sebastiano Tana, appena uscita, edita da Einaudi, nella collana “I Maverick”.

Un’opera che inizia nella regione di Yuzawa, resa celebre dal romanzo del 1948, del Premio Nobel Kawabata Yasunari “Il paese delle nevi”.

In un momento storico dove viaggiare sembra una vera e propria chimera i due autori ci trascinano in una “passeggiata letteraria”, come la definirebbe Umberto Eco, nel Paese del Sol Levante.

Un’opera che non vuole essere né divulgativa né tantomeno specialistica, ma vuole essere una vera e propria finestra “spazio-temporale” sul Giappone, nelle sue mille contraddizioni tra antico e moderno, scandita da poesie, romanzi e persino da un’opera del teatro kabuki.

Ventotto tappe che toccano dalle mete più celebri e blasonate del Giappone ai luoghi più remoti ed inesplorati.

Tutti e due gli autori hanno un curriculum di tutto rispetto e sono, da sempre, studiosi del Giappone, della sua storia e della sua cultura: Maria Teresa Orsi, già docente di letteratura giapponese ed ora professore emerito alla Sapienza e socio della Accademia Nazionale dei Lincei, traduttrice di molte delle opere alle quali nel libro si fa riferimento, e Fabio Sebastiano Tana, giornalista dell’Ansa e studioso di relazioni internazionali, autore di saggi e articoli sul Giappone.

Una narrazione che risulta essere un costante intreccio di storia, realtà contemporanea e rappresentazione poetica e letteraria, dando vita ad un’originale geografia culturale di una civiltà dai caratteri inimitabili.

Gli argomenti trattati nel libro sono i più disparati in un mix and match di epoche, di autori e di personaggi caratteristici, che fanno del Giappone il paese per antonomasia delle mille contraddizioni.

Dal laghetto all’interno dell’Università di Tokyo descritto da Natsume Soseki, al localino underground di Shinjuku reso famoso da Murakami Haruki, al lembo estremo delle Ryukyu, fino ad arrivare a Hiroshima risorta dalle sue ceneri, all’isola di Sado rifugio dell’ibis crestato.

Un viaggio nella storia che racconta degli studenti quando il Giappone si aprì all’Occidente, i suicidi di massa durante la seconda guerra mondiale, i fantasmi, le favole ed i quartieri di piacere, alla scoperta di autori delle piú diverse epoche: dalla dama di corte Murasaki Shikibu, autrice del Genji monogatari, sullo sfondo dei cedri gemelli del monte Hatsuse, all’iconoclasta Shibusawa Tatsuhiko, con il suo Angolo delle sei vie, a Kyoto, dove si cela il pozzo che conduce agli inferi. E poi naturalmente Mishima Yukio, Kawabata Yasunari e Tsushima Yuko, che riassumono le contraddizioni del secolo appena terminato, e i poeti degli ultimi decenni.

Una full immersion nel Giappone magistralmente orchestrata da due autori che vi faranno conoscere le meraviglie del Sol Levante, in un articolato e coinvolgente viaggio letterario mai scontato né banale.

Articolo di Stefania Vaghi

© Riproduzione riservata