IL PRESTITO AL TEATRO GOLDEN DI ROMA

IL PRESTITO AL TEATRO GOLDEN DI ROMA

Cosa saremmo disposti a fare pur di ottenere quel prestito necessario per la nostra vita ?

stampa articolo Scarica pdf


Creatività, ironia e scambio di ruoli sono gli ingredienti principali della commedia “ Il PRESTITO”, in scena al Teatro Golden di Roma fino al 10 ottobre 2021, una commedia prodotta da Ginevra Media Production.


In scena due attori straordinari Pino Quartullo e Gianluca Ramazzotti. Il testo è di Jordi Galceran ed è curato, nella versione italiana da Pino Tierno, nella nuova trasposizione teatrale con la regia di Giampiero Solari.

La scena è ambientata in una filiale di una banca, ambientata a Piazza del Popolo che si vede realmente da un grande schermo ledwall presente in scena, dove un uomo, Gianluca Ramazzotti, chiede un piccolo prestito di 3.000,00 euro al Direttore della filiale, Pino Quartullo.

Ma il direttore della filiale, non intende concedere tale prestito, perché l’uomo non ha garanzie. E cosi’, attraverso dialoghi serrati, cominciano una serie di intrecci e sviluppi paradossali dove lo scambio di ruoli diventa il meccanismo perfetto dal punto di vista drammaturgico e il punto centrale della commedia.

Diversi i temi toccati dalla commedia, dalla crisi economica che incombe sulla nostra società in epoca di pandemia, al valore del denaro, ma il messaggio della commedia non è affatto di denuncia, ma di puro divertimento.

1 ora e mezza di spettacolo dove convivono due prospettive di realta’: da una parte un intransigente direttore di banca, Pino Quartullo, pronto a sacrificare la famiglia pur di difendere gli interessi della sua filiale di banca; dall’altra parte della scrivania, un uomo, Gianluca Ramazzotti, disperato e senza soldi che non offre garanzie, ma che trova terreno fertile, quando dira’ che andra’ a letto con la moglie del Direttore della filiale, se non gli concedera’ il prestito, conoscendo la crisi reale con sua moglie.

Questa situazione drammatica, che ancora ci coinvolge tutti, diventa un pretesto per creare, attraverso situazioni assurde, uno spettacolo di pura ironia. Una commedia brillante dai ritmi incalzanti, riflessioni, ed equilibri precari, dove è il denaro che comanda, e dove i giochi di parole predominano.

Siamo felici per il via libera del Governo alla piena capienza nei Teatri e luoghi di Spettacolo, una bellissima notizia per tutto il settore della cultura.

Viva il Teatro che riparte !

di Francesca Rasi

© Riproduzione riservata