Inaugurazione Della Mostra “Parte Usellus-Spazio D’Arte”

Inaugurazione Della Mostra “Parte Usellus-Spazio D’Arte”

La poliedricità di questo artista ci porta a spaziare con la fantasia e con la creatività apprezzando un talento che nasce dal lavoro sui materiali più comuni e vicini al nostro vissuto.

stampa articolo Scarica pdf

Sabato 19 Febbraio ad Usellus , negli spazi della “ Corte Rustica” della Biblioteca Comunale, è prevista l’inaugurazione della mostra “Parte Usellus-Spazio d’Arte”, ore 17.

L’inaugurazione sarà presentata dall’Assessore della cultura Antonio Deiola con la collaborazione del Servizio Civile di Usellus.

L’Assessore Deiola ,attivo in prima persona sul territorio di Usellus, si sta esponendo personalmente nel coinvolgere giovani artisti e anche meno giovani, sprigionando talenti e stimolando l’Arte e la ricerca, facendo in modo che ognuno possa esprimersi attraverso un disegno, una scultura, un quadro per riqualificare il territorio attraverso la cultura e le tradizioni del paese .

Le opere di Gianfranco Serra, miniature in ferro battuto, insieme ad Aurora Ecca del territorio di Usellus, apriranno le danze inaugurando la mostra , seguiti poi da Pietro Tilocca ed Antonello Cossu con le loro stampe fotografiche, Ilario Soddu, con quadri in legno, , Maria Grazia Rossignoli, pittrice ed il fotografo Carmelo Cao.

Nello specifico lo scultore Gianfranco Serra, artigiano a tutto tondo, presenta le sue opere in ferro battuto, sculture curate nei minimi dettagli e che rappresentano i vari mestieri del paese, tornando alle tradizioni e dando un’immagine rinnovata e creativa di Usellus, attraverso l’arte e l’artigianato. Le sue sculture sono delle piccole opere di cesello, dove ognuno si può ritrovare nella sua storia personale ma anche in quella del paese natio, ispirandosi con grazia e delicatezza alle tradizioni di ognuno.

Serra realizza non solo i mestieri rurali ma anche le forme d’arte musicale e figurative, dello sport, del cinema e del teatro, insomma lo scultore spazia attraverso i vari campi della cultura, tra i quali anche una scultura dedicata a Gigi riva.

La poliedricità di questo artista ci porta a spaziare con la fantasia e con la creatività apprezzando un talento che nasce dal lavoro sui materiali più comuni e vicini al nostro vissuto. Gianfranco ammette di tuffarsi nel passato e nelle storie della sua infanzia realizzando le sue opere, in un gesto catartico che porta il fruitore ad apprezzare la tecnica ed i contenuti e tutto ciò che contengono della storia del territorio.

Monica Pecchinotti

© Riproduzione riservata