COMPLEANNO FRA LE SCULTURE

COMPLEANNO FRA LE SCULTURE

Allo Spazio d’arte Duminda di via Giulia 187 a/b a Roma speciali festeggiamenti fra suggestive sculture

stampa articolo Scarica pdf

Compleanno fra le sculture allo “Spazio DuminDa” di via Giulia 187 a/b dove arte, cultura, bellezza e sensazioni meditative si fondono per accogliere un pubblico che può condividere affinità e sensazioni. A festeggiare Sara Corti Jayasuriya proprio la moglie di Duminda l’artista che dallo Sri Lanka, suo paese di origine, ha attraversato mezzo mondo lasciando che la sua immaginazione diventasse una spugna ricettiva di stili e tendenze per poi elaborarli con la sua personale visione che rimane comunque ancorata saldamente alle radici cingalesi. Tanti gli amici che sono intervenuti per il taglio della torta tutti concordi nel pensare che i 73 anni della festeggiata potessero essere sicuramente invertiti in 37. Fra gli invitati anche tutti quelli che abitualmente vivono via Giulia per la loro attività o per scelta di vita confermando l’idea di un bel gruppo pronto a sostenersi a vicenda.

Infondo, se Duminda è un bravissimo artista, Sara, conference interpreter e events manager presso la Commissione europea a Bruxelles e Lussemburgo, è un’eccezionale addetta alle pubbliche relazioni riuscendo sempre ad accogliere i visitatori dello spazio di via Giulia con immensa grazia e con tutte le regole della più raffinata ospitalità. Infatti, oltre a celebrare il compimento degli anni, si è voluto festeggiare anche la realizzazione della struttura portata avanti con tanta tenacia e un continuo arricchimento di iniziative con idee sempre un po' speciali.

I ripetuti brindisi sono sembrati conquistare un maggiore colore fra i personaggi stilizzati, “Paper Moods”, che Duminda realizza con la tecnica del découpage-collage, ovvero ritagli di giornale assemblati con una piacevolissima estetica, esaltata dall’esotismo dell’alfabeto cingalese, con il quale ricompone storie ed immagini, in una nuova logica ed armonia di segni.

Ma le sculture esposte sono veramente tante segno del percorso artistico di DuminDa in continua evoluzione. Uno stile scultoreo che può definirsi materico perché proprio attraverso la materia DuminDa riesce ad esprimere il suo viaggio fatto di esperienze, sensazioni e stati d’animo. Come in un “Tangram”, DuminDa scompone e ricompone frammenti di pensieri, pigmenti di colore, momenti di vita, presenti o passati, plasmando forme del suo immaginario e modelli reali, liberamente reinterpretati. Inconfondibili le sue opere in gesso, murali o autoportanti/totems, con patine sovrapposte, lavorate con la tecnica del “froissé”, pennellate d’oro, per una “texture” organica, a “colata di lava. . L’ispirazione di DuminDa è sempre quella dettata dai suoi stati d’animo del momento per condividere un bene dello spirito e il mantra della meditazione.

Rosario Schibeci

© Riproduzione riservata