SISSY: Il Coinvolgente Film Breve E Di Eitan Pitigliani

SISSY: Il Coinvolgente Film Breve E Di Eitan Pitigliani

Presentato alla Camera dei Deputati, è in concorso alla 52esima edizione del Giffoni Film Festival

stampa articolo Scarica pdf



Lo scorso lunedì si è svolta, presso la Sala Stampa della Camera dei Deputati, la conferenza di presentazione di SISSY, film breve di Eitan Pitigliani, prodotto da MOVI Production con Rai Cinema. Alla conferenza stampa, presieduta dall’On. Federico Mollicone, fondatore e coordinatore dell’ICAS (Intergruppo parlamentare Cultura, Arte e Sport), hanno partecipato, oltre al regista, l’Amministratore Delegato di Rai Cinema Paolo del Brocco, la produttrice Martina Borzillo, la coreografa e produttore associato Anna Cuocolo e, in collegamento, il produttore premio oscar Andrew Calberg nonché due degli attori protagonisti Vincenzo Vivenzio e Fortunato Cerlino.

La storia di SISSY prende spunto dalle vicende personali del regista, che ha superato il dolore per la morte della madre grazie all’incontro con una “bambina speciale”, infatti il giovane protagonista del film, interpretato da Vincenzo Vivenzio, scioccato dalla perdita dell’amatissima madre (Mirella D’Angelo), lascia la casa e il padre per abbrutirsi in una vita da clochard; ma le esperienze e i ricordi dell’infanzia, la visione della madre bambina, interpretata dalla giovanissima Dea Lanzaro, lo faranno maturare e far ritrovare un proprio equilibrio e il rapporto con il padre (Fortunato Cerlino).

Eitan Pitigliani ha sottolineato come il cinema, più che mai in questo momento, debba affrontare problematiche di vita reale, portando in sala e sulle piattaforme contenuti che possano emozionare il pubblico, grazie anche alla presenza dei bambini che con la loro spontaneità inducono gli adulti a una visione più autentica della vita.

Durante la conferenza l’On. Mollicone ha dichiarato: “SISSY affronta un tema importante, quello dell’elaborazione del lutto del proprio genitore, un argomento antico e attuale, pieno di significanti; mi ha colpito anche personalmente. Posso dire di aver avuto l’ esperienza analoga del protagonista, so cosa significa perdere la madre e non poterle porgere un ultimo saluto”.

Anche la coreografa Anna Cuocolo ha sottolineato la profondità delle tematiche trattate:“ appena ho iniziato a leggere la sceneggiatura mi sono accorta di quanto potesse essere densa di stati d’animo, di sentimenti nascosti ed emersi ed effetti contrastanti. Questo film arriva ai cuori di tutti, come è arrivato a me”.

Il cortometraggio sarà messo in onda in autunno su Rai Channel e successivamente su Rai Play per consentirne una maggiore diffusione; ha infatti affermato Paolo Del Brocco: “la coproduzione di cortometraggi, che hanno un significato sociale, è la nostra mission . SISSY ci ha colpito perché costituisce un vero e proprio viaggio interiore alla riscoperta delle motivazioni di una vita in cui il protagonista non si sente più protagonista; è una storia che riesce a far riflettere e far commuovere sulle fragilità che possono appartenere a tutti noi, traghettando però lo spettatore, in qualche modo, ad un lieto fine e una riappacificazione con se stessi, rispetto agli affetti perduti e quelli ancora presenti”.

SISSY è in concorso nella sezione Parental Experience alla 52esima edizione del GIFFONI Film Festival e sarà in competizione all’Oscar Qualifying Flickers’ Rhode Island International Film Festival negli USA.

Articolo di Giorgio Vulcano.

© Riproduzione riservata