A Roma Il Contemporaneo Vola Tra Le Nuvole Dell'Eur

A Roma Il Contemporaneo Vola Tra Le Nuvole Dell'Eur

Arte in Nuvola apre i battenti per la seconda attesa edizione della festa dell'arte

stampa articolo Scarica pdf

Presentato nella nuvola di Fuksas, Arte in Nuvola. Dopo il numero 0 dello scorso anno, con rallentamenti e posticipazioni causa pandemia, quest'anno si ripropone inedita, innovativa e assolutamente al pari delle grandi fiere del Nord Italia.

Proprio la mancanza di una grande mostra-mercato nel centro sud Italia, legata all'arte moderna e contemporanea è stato il motivo dominante, seguito dall'organizzazione per dare il via a una rassegna che potesse portare Roma al centro di scambi artistici italiani ed internazionali. La voglia, unita alla necessità di offrire una proposta espositiva che fungesse come punto di riferimento del collezionismo e intercettando l'esigente di una vitalità artistica contemporanea mai sopita, ma spesso taciuta o non esaltata.

Arte in Nuvola si propone al grande pubblico con i suoi 14.000 metri suddivisi in due piani differenti per offerta e respiro artistico. La parte moderna al General Floor, con grandi nomi ospitati nelle più prestigiose gallerie e il contemporaneo al primo livello chiamato "Forum", in cui esordienti e no, trovano il giusto spazio. Roma si presenta come luogo d'incontro del Mediterraneo, colmando un grande vuoto di mercato.

La conferenza stampa si è aperta con l'appassionato intervento dall'ideatore ed Organizzazione Roma Arte in Nuvola, Alessandro Nicosia. Ecco le sue parole:

"Volevamo confrontarci con una proposta diversa dalle altre fiere che ci sono nel nord Italia, con una formula diversa che ha dato risultati straordinari e per colmare un vuoto che Roma aveva. Da dodici anni non si faceva una fiera di arte moderna e contemporanea, quelle che c'erano state, seppur prestigiose, non avevano i numeri e l'importanza di questa, che si posiziona come un appuntamento che si ripeterà tutti gli anni. In questa seconda edizione portiamo a buon fine l'obiettivo, la strategia era quella di costruire una cosa che fosse diversa dalle importanti fiere del nord. Questo contenitore straordinario della nuvola di Fuksas permette di costruire un prodotto che sia di coinvolgimento per i grandi numeri, una grande festa dell'arte dove vicino alle gallerie, momento centrale, abbiamo tante installazioni di artisti italiani ed internazionali, abbiamo performance, e un paese ospite quale Ucraina. Loro presentano un progetto che fa incontrare guerra e pace con artisti che rappresentano i due temi e con un'isola installazione di grandissima qualità."

L'Arte in Nuvola si propone come realtà artistico-culturale, che contribuisce nel dialogo di realtà territoriali e quest'anno esibisce al grande pubblico una inedita collezione di "Opere dell'Eur", opere poco conosciute perché contenute nei Palazzi degli Uffici, opere importanti che hanno rappresentato un'apertura ad design, alla cultura nazionale e internazionale.

È con l'intervento di Angela Maria Cossellu Amministratore delegato Eur S.p.a. che si entra nel vivo della mostra dal titolo "Una apparizione di valori".

"La nuvola conosciuta al grande pubblico per ospitare congressi internazionale, è anche il luogo perfetto per ospitare eventi e generare cultura. Questa mostra la sentiamo anche nostra, perché ci permette di farci conoscere a livello nazionale e internazionale. Per la prima volta che si è deciso di mettere a disposizione del grande pubblico oggetti che abbiamo la fortuna di custodire all'interno dei nostri uffici. Fortuna di lavorare delle opere storiche progettati e ideati per l'esposizione internazionale del '42 che non si tenne causa della guerra. Noi li usiamo, li proteggiamo e salvaguardiamo e oggi li mettiamo a disposizione del grande pubblico."

Per far che Arte in Nuvola risultasse una grande kermesse, tutti gli attori pubblici e privati hanno contribuito e sostenuto l'ambizioso progetto. Completa sinergia e sostegno dall'Assessore alla Cultura del Comune di Roma, Miguel Gotor, al suo secondo anno di collaborazione con la fiera, dal Sottosegretario Ministero della Cultura Vittorio Sgarbi, che prendendo per ultimo la parola si è distaccato dall'idea di "bello" associato alla nuvola ma da lui definita solo utile. Piena collaborazione dall'Assessore allo Sviluppo Economico della Regione Lazio, Paolo Ornelli. Queste le sue parole:

"Roma con creatività arte e cultura è non sono soltanto un formidabile strumento di progresso di emancipazione di libertà e di pace ma anche una leva fondamentale per Roma e per la regione Lazio per progettare e costruire in un mondo totalmente nuovo e inedito, come quello che abbiamo di fronte. Un nuovo modello di sviluppo, sostenibile, inclusivo, capace di mettere al centro il talento la creatività e il protagonismo di una nuova generazione. La Regione Lazio è presente con convinzione e con le risorse dello sviluppo ecologico, con un occhio particolare all'internazionalità che Roma deve avere."

Arte in Nuvola, per sottolineare la vocazione internazionale della manifestazione ospita l'Ucraina come paese straniero. Yaroslav Melnyk, Ambasciatore d'Ucraina, con un italiano perfetto ha declamato il suo intervento, queste le sue parole:

"In mostra la riflessione della Ucraina pacifica e la visione della guerra. La guerra ha cambiato le nostre vite, il paese, noi stessi ma non può distruggere noi stessi. Nel dolore vi è speranza bellezza e futuro e su questo basare la nostra vita. Ciò che sembrava banale acquista nuovo senso, un suono autentico e profondo."

Per onorare il successo dello scorso anno e tracciare un percorso per una luminosa crescita, questa edizione presenta importanti novità come le sessantasei gallerie nuove, l'apertura al mercato dell'arte del mezzogiorno, con importanti gallerie provenienti da Catania, Avellino, Napoli, Bari. Presenta Una rassegna Fotografica chiamata "Inedite Azioni" scatti realizzati da Mario Carbone e Stefano Fontebasso De Martino. Ritratto Keith Haring intento a dipingere i suoi graffiti su un muro di Roma che l'amministrazione dell'epoca poco lungimirante pensò bene di cancellare. Resta del gesto, solo questa importante documentazione fotografica.

Bellissima mostra di Piero Dorazio, un'immersione di grandi tele colorate esposte negli stand della galleria Tornabuoni, fa parte di un'offerta artistica poliedrica che unisce il nuovo con lo storico, mescolando discipline e intrattenimenti.

Per tutti questi giorni Arte in Nuvola avrà un fitto calendario di presentazioni, talk e performance, degno di una grande festa dell'arte.

Chiara Sticca

© Riproduzione riservata