Sesto Potere: A Teatro Il Thriller Di Davide Sacco

Sesto Potere: A Teatro Il Thriller Di Davide Sacco

Le anticipazioni della conferenza stampa di Sesto Potere di Davide Sacco con Francesco Montanari, Cristiano Caccamo, Nina Torresi e Matteo Cecchi, che debutterà al Teatro Manini di Narni il 10 Dicembre

stampa articolo Scarica pdf

Nell'epica cornice della città di Narni, presso il Teatro Manini il 10 Dicembre alle ore 21.00 debutterà "Sesto Potere", il nuovo spettacolo scritto e diretto da Davide Sacco.

Durante la conferenza stampa di presentazione, le “cortecce prefrontali” degli uditori sono state solleticate dalle accattivanti anticipazioni del regista su questo secondo capitolo della trilogia della sua "Ballata degli Uomini Bestia".
Sesto Potere è uno spettacolo che come già il titolo prelude allaccia la sua anima alle frange del pensiero di un proseguo, rispettivamente di “Quarto” e “Quinto Potere”, in un momento storico e sociale contemporaneo in cui l'essere umano è alla mercè dello sconosciuto, in cui il nemico aleggia nell'aere, nel web, nell’artificialità dell’intelligenza, sia umana che amorfa, atterrendo il senso collettivo e intimista di giustizia e di morale.
Il progetto genera così una trama thriller su un ricatto durante il giorno delle elezioni, animando un conflitto tra generazioni dove quella odierna si palesa più spietata e incattivita.
Il protagonista Walter Malosi, interpretato dal celebre Francesco Montanari, è un giornalista politico senza peli sulla lingua che accompagna gli elettori durante la maratona notturna delle elezioni, senza il timore di schierarsi in nome della verità e della solidità etica.

Un personaggio “baluardo” che eviscera sembra di comprendere, un sentimento emblematico dell’essere, intrecciando la sua storia a quella di tre moderni malviventi, codificati dall’ecletticità dei bravissimi attori Cristiano Caccamo, Nina Torresi e Matteo Cecchi.

Il trio di malfattori, da remoto chiusi in un garage, si renderanno complici di un sadico gioco di potere contro Malosi e ciò che rappresenta, identificandosi con i tre capitoli della storia: Odio, Denaro e Vendetta.

Non a caso nella trama, si arrogano il potere di cambiare, influenzare, pilotare l’opinione pubblica, facendolo però senza avere una propria calzante ideologia o pensiero politico.

Lo spettacolo dopo la prima a Narni farà tappa al Teatro Ambra Jovinelli di Roma, poi al Teatro Nuovo di Napoli, proseguendo la lunga tournée tra il nord e il sud d’Italia.

Come su una scacchiera il dibattito della conferenza stampa ha mosso temi cruciali e spostato coscienze, sollevando grande interesse e trasportando interrogativi lungo consapevolezze deontologiche, come quella espressa da Davide Sacco: “Il potere senza motivazione rimane violenza e la violenza è sempre barbarie”.

Salomè da Silva 

© Riproduzione riservata