Il Simulatore Tratto Da Una Storia Quasi Vera Al Cometa Off

Il Simulatore Tratto Da Una Storia Quasi Vera Al Cometa Off

Scritto e diretto da Veruska Rossi e Riccardo Scarafoni, assistenti alla regia Giorgia Brunori e Silvia Parasiliti Collazzo

stampa articolo Scarica pdf

Sarà in scena al Teatro Cometa Off di Roma, dal 14 al 19 maggio, lo spettacolo “Il Simulatore”, tratto da una storia quasi vera, scritto e diretto da Veruska Rossi e Riccardo Scarafoni, assistenti alla regia Giorgia Brunori e Silvia Parasiliti Collazzo.

Matteo, un ragazzo poco più che ventenne, è in carcere. Ha confessato un crimine terribile: l’omicidio del padre.

Subito dopo essersi dichiarato colpevole, cade in un sonno profondo. Non risponde a nessuno stimolo. Non è in coma. Non sta male. Semplicemente, dorme.

Nel reparto ospedaliero del carcere, intorno al suo letto, vorticano sei personaggi.

Il medico che lo ha in cura, che crede sia un simulatore che adotta l’espediente del sonno per ricavare dei vantaggi, come una pena più mite o un trattamento di favore; la sorella, presente al momento dell’omicidio, che non ricorda nulla, che ha completamente rimosso l’accaduto e che non riesce a capire il perché Matteo ha ucciso il padre; l’avvocato, una giovane donna al suo secondo incarico, che cerca un’impossibile linea di difesa; il secondino, un uomo bonario fissato con le ricette di cucina; il fisioterapista che fa fare attività fisica ogni giorno al detenuto; l’addetto alle pulizie, un ex “ospite” del carcere.

Col passare del tempo, il “Simulatore” diventa un “Ascoltatore”. La sua condizione lo rende un interlocutore perfetto. Tutti i personaggi si confessano al capezzale di Matteo, che sembra veramente in ascolto dei segreti e delle storie dei personaggi.

Il tempo passa, le fasi del processo si stanno concludendo e l’esito sembra scontato ma Matteo dorme ancora. Non si è mai svegliato. Non può difendersi. Non può spiegare il perché di tale gesto.

Esiste una ragione per quanto è accaduto? E se esiste qual è?

Un breve e intenso viaggio, ricco di spunti di riflessione, che regala anche momenti di commedia, di ilarità. Un racconto agrodolce, con personaggi duri e divertenti, profondi e fragili, vittime e carnefici.

Ognuno alla ricerca della propria verità.

Note di regia

Un testo, Il Simulatore, ispirato a una storia vera che gli autori e registi hanno voluto rielaborare creando due piani narrativi. Quello del “giallo” e quello “fantastico”. Rappresentando l’ambiente con elementi primari ma collocandoli, insieme ai personaggi, in un perimetro invisibile. Un luogo non luogo. Un girotondo di parole e di tempo. Abbattendo le pareti della realtà, creando una finestra sul racconto fantastico. 

Al pubblico, non rimane che sbirciare. Con gli occhi lucidi e un sorriso sulle labbra.

Il Simulatore

Tratto da una storia quasi vera

Scritto e diretto da Veruska Rossi e Riccardo Scarafoni

Assistenti alla regia: Giorgia Brunori e Silvia Parasiliti Collazzo

Con (in mero ordine alfabetico):

Lodovico Balzoni

Giorgia Brunori

Daniele Felici

Claudio Marsicola

Silvia Parasiliti Collazzo

Stefano Sardo

Emanuele Squillace

 

Scene: Francesca Meloni

Costumi: Lisa Sorone

Disegna luci: Luca Carnevale

Foto e grafica: Patrizio Cocco

Ufficio Stampa: Stefania Vaghi

 

Cometa Off dal 14 al 19 maggio 2024

Via Luca della Robbia, 47 Roma

Tel. 06 57284637

Info e biglietti: https://www.cometaoff.it/evento/il-simulatore/

Prezzo biglietti: 15 euro + 2,50 euro (tessera associativa)

© Riproduzione riservata