The Mirror And The Rascal, Il Film Su Riccardo Terzo

The Mirror And The Rascal, Il Film Su Riccardo Terzo

Di e con Valerio de Filippis disponibile su richiesta, una rivisitazione storica di uno dei capolavori Shakesperiani più noti

stampa articolo Scarica pdf

Valerio de Filippis, attraverso la rilettura di uno dei drammi più famosi della letteratura, lavora sui personaggi e su il susseguirsi di omicidi perpetrati da Richard the Third di York in nome del suo regno. In primo piano l’analisi psicologica di un re senza scrupoli che fa terra bruciata intorno a sé corrompendo il suo entourage per ottenere ciò che vuole. L’opera è magistralmente resa in un solo ambiente dove si susseguono i personaggi in chiave contemporanea. Il film è interamente recitato in inglese, con costumi sufficientemente moderni dove le figure più rilevanti sono senza dubbio la moglie che lui ucciderà e la madre. La sua idea di sposare la figlia di suo fratello, poi è sicuramente il gesto più morboso di tutto il dramma, come anche l’uccisione dei principini.

Il personaggio di Richard ha un fascino mefistofelico, direi oscuro, accompagnato dalla regalità del suo ruolo, la sua deformità e ad una capacità introspettiva e persuasiva che convince ad uccidere chiunque entri in contatto con lui. La morte di Hastings è la più emblematica, come anche l’avvelenamento della regina.

Tuttavia, nel finale , Richard avrà dei dubbi, dei ripensamenti sul suo operato, e mentre nel testo originale si abbandonerà alla preghiera , il protagonista del film sarà preso da una crisi di coscienza , psicologicamente provato dalle voci delle persone che ha ucciso, i fantasmi che gli suggeriscono “Dispera e muori!” la conclusione del dramma “Il mio regno per un cavallo” è sicuramente l’ultimo grido dell’antieroe che sembra infine redimersi o trovare una sorta di espiazione del suo operato. La maledizione della madre avrà sicuramente una parte importante nella crisi del re il quale, davanti a sé stesso, non riesce a mentire.   

Valerio de Filippis, pittore, attore e regista si può contattare allo studio E.M.P. via L. Vanvitelli 23 Roma info 320-3432193

Monica Pecchinotti

© Riproduzione riservata