Francesca Colucci

Chi è davvero appassionato di musica, come d'altronde lo siamo noi, tralascia il fattore della popolarità e si concentra sulla qualità dell'artista e del brano.

1250
stampa articolo Scarica pdf

Unfolding Roma fa capolinea nell’hinterland partenopeo per incontrare una giovane speaker dell’altrettanto giovane web radio Baiano: Francesca Colucci voce, insieme a Nino Masi, del programma radiofonico  INDIEfferenti in onda tutti i giovedì alle ore 20.

INDIEfferenti, se non erro, è innanzitutto il nome dell’associazione. Ce ne parli?

INDIEfferenti è innanzitutto il nome della nostra pagina Facebook, che è tuttora aperta e fortunatamente in costante crescita. E' da lì che tutto è cominciato,da questa "comunità" in cui condividiamo la musica che ci piace senza alcun vincolo di genere - dal cantautorato all'elettronica,dal pop al rock e al jazz- e che, soprattutto, si impegna a sostenere le realtà indipendenti. Dal mondo virtuale siamo passati alla pratica fondando, due anni fa, un'associazione. Al momento organizziamo eventi sulla bellissima isola di Procida ma in futuro speriamo di stabilirci altrove,anche per avere nuovi stimoli e nuove possibilità! Vari sono stati finora i live targati INDIEfferenti: da Francesco di Bella con il progetto "Ballads" a "Discoverland" di Roberto Angelini & Pier Cortese, da "La Terza Classe" (un gruppo country/folk che si esibisce spesso tra le strade di Napoli), al reggae di Jovine!

Come nasce l’idea dell’omonimo programma radiofonico?

Faccio parte dello staff di Radio Baiano da un paio di anni e alla fine dell'estate scorsa mi è venuta l'idea di combinare le due cose. Credevo e credo ancora, sia un'ottima idea! Le motivazioni di base sono sempre le stesse: sostegno alle realtà indipendenti e alla musica meno popolare, ma non per questo inferiore qualitativamente (...anzi,è quasi sempre l'esatto contrario!). Come hai già detto tu Radio INDIEfferenti va in onda ogni giovedì, alle 20.00, sul sito di Radio Baiano e attraverso l'app per cellulare TuneIn Radio. Io e Nino (il mio co-conduttore), proponiamo ogni settimana un'intervista ad un esponente dello scenario musicale campano. Inoltre diamo la possibilità ai nostri ospiti di suonare i loro pezzi dal vivo, in versione acustica, pubblicando poi i video delle loro esibizioni sul canale YouTube della radio. E' un'opportunità per dare visibilità a loro,ma anche a noi. Quello che spero è che si crei una rete di collaborazione che coinvolga un numero sempre maggiore di artisti, della Campania e non solo!

Le web radio sono una realtà sempre più imponente. Qual è a tuo avviso il segreto del loro crescente successo?

Sono d'accordo, le web-radio sono davvero cresciute numericamente nell'ultimo periodo. Un segreto vero e proprio non credo ci sia, ma alla base di tutto, penso che ci sia la voglia di condividere le proprie passioni con gli altri. Parlando nello specifico, Radio Baiano si fonda essenzialmente sulla parola: il nostro scopo principale è quello di comunicare qualcosa a chi ci ascolta,nella speranza di poter diventare per loro un piccolo punto di riferimento.

Radio Baiano propone musica resa fruibile nel rispetto del principio “Copyleft” attraverso Licenze Creative Commons, che ne tutelano proprietà intellettuale ed artistica. Ci spieghi meglio?

Sì, sosteniamo il principio del "Copyleft". Si tratta di una modalità alternativa e libera di produzione e distribuzione musicale auto-gestita. La SIAE al giorno d'oggi è diventata molto onerosa (sia per i musicisti che per le radio) ed onestamente non credo sia giusto, soprattutto perché, così facendo, si limita ulteriormente la diffusione di ogni forma d'arte.

Passare in radio artisti poco conosciuti è più una scommessa o un rischio?

Passare artisti poco conosciuti è sia un rischio che una scommessa. E' un rischio perché è normale che l'ascoltatore di fronte ad una canzone che non conosce tenda a perdere interesse, è contemporaneamente una scommessa perché credo che in questo modo si stimoli la curiosità. Chi è davvero appassionato di musica, come d'altronde lo siamo noi, tralascia il fattore della popolarità e si concentra sulla qualità dell'artista e del brano. Pochi mesi fa in radio mi sono occupata personalmente della playlist da mandare in rotazione e,cercando fra i vari canali con licenza Creative Commons, ho scoperto tanti talenti interessanti! Consiglio a tutti di farsi un giro su questi siti, uno su tutti Jamendo!

Avete un palinsesto molto variegato: si passa dallo sport, al cinema oltre che ovviamente tanta musica. Altri argomenti che ti piacerebbe trovassero spazio?

Esatto, a Radio Baiano non ci occupiamo solo di musica ma di tanti altri argomenti di interesse generale. Dato che ci siamo, te li elenco brevemente: oltre al mio programma, “Radio INDIEfferenti” (in cui mi occupo principalmente di musica pop e cantautorale), c'è “Metro Rock” che si occupa esclusivamente di musica rock, proponendo come noi interviste a giovani gruppi emergenti. “Fatti d'arte" sulle arti figurative e sui libri,"Una poltrona per due" sul cinema e le serie tv. "Chi ha fatto palo?","I consigli del fantacalcio" e "Mandamento Sport" sullo sport nazionale e locale. "Che Radio di Nerd" sui videogames e i fumetti,"Radio Cooking" per la cucina,"Radio Talk" sulla tv generalista e il gossip,"Curiosando" sulle curiosità da tutto il mondo...credo di averli detti tutti. Gli argomenti che si potrebbero affrontare in un nuovo ipotetico programma sono tanti e chiunque abbia proposte da farci è il benvenuto. Siamo sempre in cerca di nuovi speaker! Un programma sui computer o sui motori, ad esempio, sarebbe una bella idea...

Come “sopravvive” una web radio?

Una web radio sopravvive grazie all'impegno, al sacrificio e alla collaborazione di chi vi partecipa: questa è la cosa fondamentale. Ovviamente un altro fattore importante riguarda la collaborazione con gli enti territoriali, con i social e con tutti i mass-media. Come ho già detto prima, è assolutamente necessario creare una rete collaborativa per aiutarsi gli uni con gli altri: sono del parere che un gruppo può trarre sicuramente maggiori vantaggi rispetto al singolo!

Ritieni ci sia “spazio” per tutti o bisogna stare sempre un passo avanti rispetto alla concorrenza?

Certamente c'è posto per tutti, anzi ben venga chiunque voglia entrare in questo mondo! Penso che la soluzione migliore sia sempre la collaborazione ma un po' di sana competizione, come in tutte le cose, non guasta mai. Quello che conta è rimanere coerenti con i propri progetti, andar dritti per la propria strada e avere tanta pazienza...perché i risultati e le soddisfazioni, presto o tardi, arrivano!

E’ coinvolgente l’entusiasmo con cui ci hai raccontato questa bellissima realtà! Invitiamo i nostri lettori a tuffarsi nelle pagine fb dedicate ai programmi e cosa più importante a sintonizzarsi su www.radiobaiano.it!

Sara Grillo 

© Riproduzione riservata