Tele Jazz Trio

LIVE @ IL MERCATO CENTRALE Roma Martedì 15 gennaio ore 20

134
stampa articolo Scarica pdf




Martedì 15 gennaio, presso Il Mercato Centrale di Roma, a due passi dalla stazione Termini, si esibiranno i Tele Jazz Trio, formazione per piano, basso e batteria nata nel 2015, che rivisita brani del repertorio standard jazz americano creando frizzanti fusioni con famosi brani del repertorio televisivo, sfruttandone somiglianze melodiche, armoniche e formali.
Il trio, composto da musicisti che negli anni si sono affermati in diverse formazioni musicali nel territorio romano, Gian Paolo Vedele, Sergio Di Mico e Luca Giudice, riesce a creare un mix irresistibile di sonorità sofisticate e briose al tempo stesso, piacevole e fruibile per qualsiasi tipo di pubblico, anche il meno avvezzo al genere jazz.
Un vero e proprio spettacolo che mette in risalto la grande abilità dei tre musicisti, non solo a livello performativo, ma anche e soprattutto da un punto di vista creativo: la ricercatezza delle brillanti intuizioni melodiche dà vita a una performance deliziosa e affascinante.
Quali celebri brani si nascondono tra i divertenti arrangiamenti originali?
Così, in un’atmosfera spensierata tra jingles e cartoni animati, le indimenticabili sigle di Augusto Martelli, che hanno fatto la storia della tv, vanno sottobraccio ai grandi nomi del jazz, da Thelonious Monk a Chick Corea.

Tele Jazz Trio

Gian Paolo Vedele - pianoforte
All’età di 7 anni comincia lo studio del pianoforte classico con il M° Lino Fancello e successivamente con il M° Patrizia Ganau. Nel 1995 si avvicina al Jazz frequentando il Seminario di Nuoro diretto da Paolo Fresu, col M° Roberto Cipelli e la Master Class di Steve Lacy. Nei primi anni 2000 entra a far parte della Big Band della Scuola Civica di Cagliari, diretta dal M° Paolo Carrus, con cui si esibisce anche in Festival Jazz di livello internazionale.
La sua formazione jazzistica vede, fino al 2005, le lezioni e i consigli del M° Paolo Carrus a Cagliari. Trasferitosi a Roma continua lo studio col jazzista Luca Mannutza. Un incontro fortunato è quello col pianista romano Alessandro Gwis con cui studia e approfondisce il piano moderno e la musica jazz.
Negli ultimi anni si è appassionato al pianismo “black” dei grandi performer di New Orleans.
Da anni collabora inoltre con un affermato coro Gospel romano, il 7 Hills Gospel Choir, con il quale partecipa a numerosi concerti e rinomate manifestazioni a livello nazionale.
Da sempre insegna piano moderno/classico a bambini e adulti, anche portatori di disagio, conciliando in questo caso la sua formazione musicale con quella di psicologo e musicoterapista.

Sergio Di Mico - basso elettrico Bassista e contrabbassista con un'esperienza ventennale in studio e dal vivo, studia da autodidatta, con un metodo di apprendimento strutturato ed efficace. Dal 1994 ad oggi milita nelle formazioni di diversi gruppi musicali pop, rock, jazz e Gospel, prima come chitarrista, poi, dal 2008, esclusivamente come bassista, dal 2011 anche come contrabbassista. Fra le collaborazioni passate ed attuali l'Orchestra della Cappella Costantina (contrabbassista), la band dei "7 Hills Gospel Choir" (bassista), e la "Premiata Orchestrina Swing Orfanelli" (contrabbassista).
Luca Giudice - batteria Inizia gli studi della batteria a 20 anni, con il M° Derek Wilson ed il M° Lorenzo Gentile, con i quali approccia allo studio dei rudimenti, dell’impostazione tradizionale sulla batteria e ai vari stili musicali. Nel 2008 si iscrive al corso di batteria jazz del Saint Louis College of Music, diplomandosi nel 2016 e studiando durante tutto il corso con il M° Claudio Mastracci, Gianni Di Renzo, Daniele Chiantese, Andrea Avena, Antonio Solimene, Pierpaolo Principato, Claudio Colasazza, Emilio Merone, Stefano Sabatini e molti altri. Partecipa a diversi workshop e Clinics con John Wooton, Steve Smith, Chris Coleman, Jojo Mayer e Leonardo Di Angilla. Dopo il diploma nel 2017 continua a studiare e perfezionare il jazz con il M° Greg Hutchinson. Parallelamente allo studio accademico, suona e collabora con diverse formazioni dal trio alle band più ampie, che variano dal Rock al Jazz.


© Riproduzione riservata