Angelita Puliafito

Il teatro italiano pullula di bravissimi attori, registi, drammaturghi, manca però in Italia la disciplina al teatro e non mi riferisco solo al pubblico….

237
stampa articolo Scarica pdf

Abbiamo il piacere di intervistare l’attrice e regista teatrale Angelita Puliafito con lei parleremo del mondo del teatro e della dura vita del mestiere dell’attore

La prima domanda mai banale è una tua breve presentazione per i nostri lettori

Inizio con una correzione: sono una regista teatrale e cantautrice, sicuramente non attrice…. I miei esordi mi vedono cantante, vocalist e da qualche anno cantautrice, dopo una laurea al DAMS e la specializzazione in regia alla casa dello spettacolo. L'amore per il teatro diventa viscerale tanto da non riuscire a farne a meno. Nella musica come nel teatro cerco l'espressione dei sentimenti, il teatro che arriva ed è forse per questo che le compagnie troppo accademiche… Non mi convincono molto.

Perché In questi giorni sei tra i protagonisti dell’evento Teatramm, un festival organizzato presso il teatro Marconi dove troviamo giovani compagnie che si esibiscono e che ti stanno dando soddisfazioni a livello di messa in scena?

Emiliano De Martino ha chiesto la mia collaborazione in quanto esperta di teatro per l'organizzazione e la gestione del festival e così in un minuto mi ritrovo a fare da mascherina (avvolte si ritorna indietro… Scherzo), ma in tutta la verità il vero grande supporto è braccio destro di Emiliano è stata Valentina Proietto Scipione, donna instancabile e professionale con la quale ho avuto la possibilità di dividere il palco nell'ultima serata, quella di gala e delle premiazioni, duettando la canzone "Salvami". Tornando alle compagnie: molto belle le idee, non sempre espletate pienamente, alcuni troppo accademici altri un po' troppo poco, bellissima l'idea però di approcciare la nuova drammaturgia, sentire la freschezza dei giovani registi e anche l'ingenuità… (Anch'io sono giovane, tutto sommato)... Teatram ha davvero un bellissimo messaggio…. Fa fare teatro.

Quale spettacolo ti ha più colpito quando parliamo di innovazione?

Ho trovato particolare per originalità del testo Working in Progress… Che tra l'altro ha vinto il premio come miglior testo inedito. Ma vanno menzionati anche Stanza cento uno e Grimilde. Non sono stata per un mio gusto personale sempre d'accordo con la giuria… ma capisco pure che poi le vittorie sono l'insieme dei voti dei giurati non è mai facile dover scegliere.

Divenuta nota al grande pubblico dopo aver recitato nel film L’ultimo bacio di Muccino, Martina Stella continua ad ammaliare il pubblico con la sua bellezza. Ne sono una chiara dimostrazione alcuni recenti scatti pubblicati su Instagram, che hanno mandato i fan letteralmente in visibilio: che idea hai di questa attrice e soprattutto dell’esibizione del corpo femminile sui Social?

Sicuramente il grande schermo gli ha dato grande visibilità e l'ha fatta conoscere al pubblico di massa… Il suo intervento al festival del cinema riguardo alla salvaguardia della natura dimostra che oltre alle belle forme lei possieda un cervello (è un pregio in questi ultimi tempi). Trovo sia geniale! Concilia Natura e Natura… nonostante la sua giovane età ha capito qual è la carta vincente per emergere: sfrutta i social per visibilità, spazia cosi tra il serio ed il faceto.

DA un mese dal colpaccio, lo sbancatore del Superenalotto che a Lodi ha vinto 209 milioni con una schedina da due euro non ha ancora dato segnali di vita. La sua latitanza autorizza qualsiasi ipotesi. La più probabile è che trascorra le notti a contare soldi invece che pecore, e i giorni a capire quale sia il modo migliore, una volta presi, per nasconderli: hai mai pensato di creare personaggi che messi in scena trattano in maniera tragicomica la ricchezza?

In realtà mi era stato proposto un copione nel quale si parlava di schedine, ricchezza, vittoria, con un finale da film horror…. Ma ho desistito…. Ma chi sa magari prima o poi…

Da brava e preparata siciliana quanto ti piace inserire le tue origini negli spettacoli che ti piace scrivere?

Nei miei spettacoli c'è sempre un po' della bella Sicilia specie nella Commedia. Un mio insegnante di regia mi diceva che per me era facile costruire la commedia in quanto siciliana potevo attingere dai costumi ed usi della mia terra. E l'ho fatto spesso!

Come sta il teatro italiano?

Messo male… O meglio, il teatro italiano pullula di bravissimi attori, registi, drammaturghi, manca però in Italia la disciplina al teatro e non mi riferisco solo al pubblico….

E quello romano? Tu porti il tuo modo di fare teatro in giro per le varie realtà capitoline …

Manca la cultura al teatro, fare e vivere di teatro non è facile ti ritrovi a dover fare i conti con la concorrenza, diventi regista, attore, produttore e procacciatore di pubblico… Perché solo i grandi nomi a prescindere che siano bravi e innovatori …il pubblico lo hanno lo stesso, ma nonostante tutto Roma e Roma la città dell'arte… E proprio nei piccoli teatri dei quartieri di Testaccio o Trastevere mi è capitato di vedere degli spettacoli bellissimi, dove la carenza dell'artificio scenografico non ha destabilizzato la bellezza dello spettacolo, anzi, ha aggiunto quel quid in più.

In questi giorni stanno partendo le campagne abbonamenti di teatri, associazioni culturali, scuole di teatro, ecc. ecc. che stagione deve essere questa? Se parliamo di retorica, sbaglio? Bisogna andare a teatro perché?

Spero sia una stagione di drammaturgia nuova che prenda però spunto dal passato, spero che sia una stagione di cultura, di opportunità… Spero che sia una stagione di opportunità per tutti perché purtroppo nei cartelloni è questo che manca…. La voglia di dare opportunità a chi un nome ancora deve farselo perché come la sopracitata Martina Stella non è approdato al cinema. Bisogna andare a teatro perché fa bene all'anima.

“Abbracciate i vostri figli. Non lavorate fino a tardi” – la commovente storia di una coppia di genitori americani stacanovisti che hanno dedicato la loro vita al lavoro, mettendo in secondo piano il tempo con i loro bambini fino al giorno in cui uno dei loro gemelli è morto nel sonno – “Ho saputo che Wiley era deceduto da una telefonata di mia moglie durante una conferenza a lavoro e...” Per seguire la tua passione e il tuo lavoro hai mai rinunciato agli affetti? Da storie di cronaca come queste si può trarre ispirazione per creare contenuti interessanti?

Spesso mi ritrovo a dedicare poco tempo alla mia famiglia o perlomeno non quanto vorrei. Sono del parere però che non sia davvero importante il tempo quantitativamente parlando che si passa con le persone ma la qualità, mi ritrovo spesso a vedere gente che passa l'intera giornata con i figli ma molto spesso più sui Social che effettivamente con loro. Cmq si bisognerebbe ritornare a rimboccare la coperta al proprio angioletto e riempirlo di coccole.

Se dico Famiglia come mi rispondi?

La mia è stupenda, voglio usare una frase dello scrittore Gilbert Keith Chesterton: La famiglia è la prova della libertà; perché la famiglia è l’unica cosa che l’uomo libero fa per sé e da solo.

Senza motivo ha aggredito con violenza una ragazza di 18 anni e sferrato un pugno in faccia a una donna di 55, mandando entrambe in ospedale. È successo pochi minuti prima delle 13 di lunedì nel sottopasso della stazione di Lecco. L’aggressore, un 24enne del Togo irregolare, è stato raggiunto sul piazzale esterno alla stazione e arrestato dalla polizia ferroviaria, mentre provava a salire su un autobus di linea. Sono queste le notizie che le donne non devono leggere e che fomentano l’odio verso chi arriva nel nostro paese; ribadiamo tu sei siciliana ……

Non è una questione di colore, la violenza è violenza sempre che sia fatta da un bianco da un nero o da chicchessia. Mi fanno più paura le parole dei politici che fomentano il razzismo, io sono aperta e solidale con chi vivendo una tragedia nel proprio paese chiede di venire qui per a tutti dovrebbe essere concessa la serenità. D'altra parte noi siciliani… Abbiamo lasciato la Sicilia per una vita migliore e più dignitosa.

Sedici euro a volontario. Multati perché fermi sul primo binario, "arbitrariamente", privi di biglietto a distribuire coperte ai senza fissa dimora. E' successo a Foggia mercoledì 11 settembre: a denunciare l'assurda contestazione sono i volontari dell'associazione Fratelli della stazione, che da anni si occupa di portare beni di prima necessità e un sorriso a chi ne ha bisogno; quando si leggono queste notizie viene voglia di andarsene? Che idea hai di questo Paese? Ti fa paura il futuro?

Molte volte ho pensato di andar via… Queste sono quelle notizie che davvero non vorresti sentire… Stiamo ripercorrendo la storia in modo sbagliato, uomini contro uomini, razze superiori e altre minori…. Ho paura? Si… Ho paura per mio figlio e per il suo futuro.

È morto a Roma Federico Palmieri, attore cinematografico e teatrale. Quarantuno anni, nato e cresciuto nella zona di piazza Bologna l'artista è stato trovato privo di vita nella sua abitazione di via Michele di Lando nel pomeriggio di giovedì 5 settembre: quando muore un attore si è sempre tristi; ma rimangono i lavori che sono stati creati e interpretati quasi come nel cinema …

Tristissima la notizia della morte di Federico Palmieri, grande genio teatrale e umano… Spero vivamente che si possa raccontare ciò che ha fatto ricordo ad esempio il teatro del balbuziente…. Peccato però che si debba arrivare a morire per essere presi sul serio.

Lo sciopero per il clima di Greta Thunberg compie un anno. Era il 10 Settembre 2018 quando la giovane liceale, allora una teenager sconosciuta, si mise a sedere davanti al Parlamento svedese a Stoccolma per protestare contro l’inerzia del governo di fronte al climate change e per chiedere interventi urgenti; scrivere un monologo su questa figura è interessante? Ti piacciono questi personaggi che iniziano le battaglie? Pensi mai che dietro ci siano degli interessi poco edificanti?

Coraggiosa, ardita, giovane…. Il personaggio perfetto per un film Disney… Scherzi a parte… un personaggio così potrebbe essere interessante da mettere in scena e visto che per me questo è stato l'anno dei monologhi, perché no potrei provare…. Una ragazzina con la sindrome di hasperg che sfida i potenti, che chiede attenzione un grande esempio da imitare da edificare. Bene questo sarà il mio prossimo spettacolo (ride).

Parliamo di Piaceri Nascosti con la presenza sul palco di Laura Sorel; uno spettacolo sulla figura femminile fuori da schemi e luoghi comuni? Come hai scelto Laura per interpretare il personaggio?

Ho già lavorato con Laura in altri progetti ma in questo caso è stata lei a scegliere me… Piaceri Nascosti è una commedia di Dario Santarsiero che abbiamo messo in scena già 3 anni fa… il personaggio di Laura è particolare come lo è lei d'altronde,.. Quando faccio regia nella mia testa prendono forma i personaggi… Ed è stato interessante lavorare con lei che si fida e si affida, che è un vulcano di energie e che spesso devi contenere perché è un vulcano. Non lo posso negare e sempre un gran divertimento dirigerla!

Oggi vogliamo ricordare dove, quando e perché bisogna assolutamente non mancare?

19 e 20 settembre ore 21 teatro Petrolini.

Progetti per il futuro?

Ritornerà in scena per le mattine e in serale già a novembre in cartellone al Porta Portese il mio spettacolo sulla Shoah vincitore di due premi importanti "Regia e Critica". Riprenderò già ad ottobre i corsi di teatro e musical in qualità di regista e vocal coach.

E per quanto la mia carriera da cantante, parteciperò al tour Music Fest nella sezione cantautori e presto uscirà il mio nuovo singolo.... Per il rest, sto "muta"... Per scaramanzia le novità non ancora ufficiali le tengo per me!!!

Stefano Cigana

© Riproduzione riservata