SPHERA – FUTURO FESTIVAL - TEATRO BRANCACCIO. Di Flaminio Boni

SPHERA – FUTURO FESTIVAL - TEATRO BRANCACCIO. Di Flaminio Boni

Il Teatro Brancaccio apre una stagione estiva all’insegna della danza con Futuro Festival, il Festival Internazionale di danza e cultura contemporanea alla sua prima edizione in scena fino al 30 luglio 2021

stampa articolo Scarica pdf

Il Teatro Brancaccio apre una stagione estiva all’insegna della danza con Futuro Festival, il Festival Internazionale di danza e cultura contemporanea alla sua prima edizione in scena fino al 30 luglio 2021.


Ideato da Alessandro Longobardi e diretto dalla coreografa Alessia Gatta il Festival è proposto dall’associazione [MATRICE]N, in collaborazione con Viola Produzioni e l’associazione BrancaccioDanza e coinvolge danzatori, coreografi, docenti, studenti, artisti, operatori ed appassionati della danza in un percorso di ricerca e confronto.


Futuro Festival nasce con lo scopo di mostrare al pubblico le nuove tendenze della danza contemporanea, fatta di ispirazione e contaminazione di generi e linguaggi guardando al futuro.

La danza contemporanea come linguaggio universale, liberazione dell’io, viaggio nell’animo umano le cui emozioni vengono trasmesse attraverso il movimento dei corpi.

Festival e festa, come dichiarato da Alessia Gatta: la rassegna, infatti, è arricchita da momenti di incontro, dibattiti, dj set, musica dal vivo, workshop e stage per avvicinare i professionisti del settore ai giovani aspiranti danzatori e al pubblico.

A inaugurare la rassegna il 5 luglio è stata la tavola rotonda “Re- MovēRe” – Move Again, durante la quale ci si è interrogati sui percorsi futuri della danza dal vivo e su come creare nuove reti di collaborazione tra Festival ed enti di settore.

A seguire lo spettacolo della prima compagnia ospite, l’anglo-catalana Humanhood che ha proposto “Sphera”, premiato nel settembre 2020 al Greenwich&Docklands International Festival (Dancing City) a Londra: un passo a due di grande impatto visivo che esplora la relazione tra l’umanità e la Luna, con riferimento alla luce lunare e alle energie attrattive.


I corpi dei due danzatori, Rudi Cole e Julia Robert danzano come pianeti su due orbite distinte, attratti e respinti dalle forze dell’universo; poi, nel loro girare e orbitare fluido, mano a mano si avvicinano per entrare nella stessa orbita e ruotare insieme in un unico abbraccio.


Il Teatro Brancaccio riapre così con coraggio, passione e gioia dopo aver anche effettuato importanti interventi per mettere maggiormente in sicurezza pubblico e compagnie ospiti.

A seguire, il programma del Festival

dal 5 al 10 luglio Workshop#UNMETROCUBO 5 – 6 luglio ore 21 “SPHERA” HUMANHOOD 6 luglio ore 18 DJ Lil’ Jean  8 – 9 luglio ore 21 “LA NONA” Compagnia ZAPPALA’ DANZA 10 luglio ore 21 “#UNMETROCUBO” PERFORMANCE FINALE DEL WORKSHOP PER GIOVANI DANZATORI – “WATER” SOULSCAPES [PRIMA NAZIONALE] 16 – 17 luglio ore 21 “CROLLI” Alessia Gatta [PRIMA NAZIONALE] 22 luglio ore 21 “BOYS DON’T CRY” COMPAGNIA HERVé KOUBI 23 luglio ore 19.30 e ore 21 “Quadri tratti da LILI ELBE SHOW” Sasha Riva & Simone Repele / “Keeping Warm” [PRIMA NAZIONALE] [RITMI SOTTERRANEI] contemporary dance company 29 luglio ore 21 “CLOROPHILIA” KODANCE [PRIMA NAZIONALE]  30 luglio ore 18 e ore 21 “50 MIN/MQ” E_SPERIMENTI DANCE COMPANY 

SPHERA

HUMANHOOD

Regia, coreografia e interpretazione Rudi Cole & Julia Robert

Costumi Julia Robert & Rudi Cole

Disegno sonoro Iain Armstrong in collaborazione con Rudi & Julia

Con il sostegno di RocaUmbert

Con il contributo di Arts Council England

Una produzione Humanhood

ph. © Simon Tang

Flaminio Boni

© Riproduzione riservata