DeGenere Prima Maratona Di Tango Queer Italiana

DeGenere Prima Maratona Di Tango Queer Italiana

“Abbracciare l’altro e con l’altro danzare, senza che stereotipi di genere o di ruolo interferiscano nelle scelte"

333
stampa articolo Scarica pdf

Dal 29 al 31 marzo “Tango-queer Roma a.s.d.” organizza la deGENERE, prima maratona di tango queer italiana che si svolgerà nei locali di ALTRO SPAZIO, in Via Tiburno 33, e che permetterà di godersi tre giorni di intenso tango queer.

Alla fine del XIX secolo a Rio de La Plata, il tango era ballato quasi esclusivamente fra uomini, perché gli immigrati europei erano senza le loro famiglie e quindi senza donne con cui ballare. Proviamo a ripartire dall’idea che, indipendentemente dall’orientamento sessuale o dall’identità di genere, tutti abbiamo le stesse possibilità e le stesse libertà, anche nel tango. Se rompiamo il codice etero-normativo che blocca le persone a stare in un unico ruolo e necessariamente con persone del genere opposto, offriamo spazio alla “diversità”, stimolando al contempo una maggiore fluidità, una maggiore libertà di pensiero e una conseguente sospensione del (pre)giudizio. ​

Con queste idee, il maestro Cristiano Bramani ha creato Tango-queer Roma a.s.d. e La Malquerida, prima milonga queer stabile italiana, dove l'obiettivo è proprio quello di dare spazio allo (stra)ordinario e alla diversità, senza creare un "luogo protetto", bensì un posto in cui tutte le (stra)ordinarietà possano esprimersi fluidamente, incontrarsi e interagire.

La milonga, aperta ogni venerdì, si svolge presso il Metro Core, un piccolo locale molto accogliente del Pigneto, un quartiere centrale di Roma molto caratteristico, pieno di giovani e piuttosto alternativo. La serata inizia alle 20, con due lezioni successive di diverso livello, e prosegue alle 22,30 con la serata danzante vera e propria.

Tango-queer Roma rappresenta un progetto ben preciso, quello di far emergere una realtà che non veniva nemmeno considerata, per farla conoscere e far venire il dubbio che si possa rivendicare un diritto che sia la sintesi di una libertà di espressione personale.

“Per dare forma a questo progetto - afferma il maestro Cristiano Bramani - mi sono detto che doveva esistere un luogo deputato, visibile, che rappresentasse la bandiera di un’idea, sempre a disposizione di chi, nel tango, vuole avere pari diritti e possibilità e dove, chi si reca, sa che è un ambiente dove si sospendono giudizi, cliché e stereotipi di genere.

Ora, la grossa comunità tanghera, sa che esiste il tango queer e sa anche che in Italia ’è qualcuno che si spende per promuoverlo, contribuendo all’evolversi dei tempi e della cultura.

Maggiori info, prenotazioni e pagamento sul sito ufficiale www.degenere.it e sulla pagina Facebook https://www.facebook.com/events/344183296406644/

© Riproduzione riservata