Fumetti Nei Musei

E’ stata inaugurata il 12 dicembre scorso, presso l’Istituto Centrale per la Grafica di Roma, la mostra intitolata “Fumetti nei musei”. La manifestazione di via della Stamperia 16, che terminerà il 16 febbraio 2020,

179
stampa articolo Scarica pdf

Fumetti nei musei

E’ stata inaugurata il 12 dicembre scorso, presso l’Istituto Centrale per la Grafica di Roma, la mostra intitolata “Fumetti nei musei”. La manifestazione di via della Stamperia 16, che terminerà il 16 febbraio 2020, ha visto la partecipazione di migliaia di persone di ogni età e di ogni genere che, in questa seconda edizione, hanno potuto ammirare le 51 opere esposte.La realizzazione della mostra, nata dall’idea di artisti fumettisti (o fumettari come vengono definiti da alcuni) e dall’impegno dei direttori di alcuni musei, in collaborazione con il Ministero dei Beni culturali (MiBACT), la casa editrice Coconino Press-Fandango e con il supporto di Ales Spa, ha lo scopo di creare interesse nei giovani rispetto al mondo dell’arte.Interessante il coinvolgimento dei ragazzi a cui è stato chiesto di creare e disegnare storie brevi, traendo ispirazione dalle visite ai musei. Ai giovani è stato quindi permesso di esprimere la propria creatività con un linguaggio diverso, ovvero mediante l’uso di vignette e balloon. Una volta terminata la realizzazione della propria tavola a fumetti, infine, i ragazzi hanno potuto vedere il proprio lavoro pubblicato su diversi social network.Le opere esposte dagli artisti, sono visibili in 51 siti Statali, sparsi in tutto il territorio Italiano. Le stesse possono essere acquistate al fine di proseguire il finanziamento delle attività culturali nei musei. Una parte del ricavato, inoltre, verrà investito nella produzione di fumetti da distribuire gratuitamente ai ragazzi interessati al progetto. Un sentito ringraziamento da pare degli organizzatori va a tutti i fumettisti che hanno partecipato alla realizzazione della mostra come: Gud (Daniele Bonomo), Giuseppe Palumbo, ALTAN, Vitt Moretta e tanti altri.

Articolo scritto da Mario Di Marzio

© Riproduzione riservata