BLOOD A TOXIC DRAMA

A Cappella Orsini Mariaelena Masetti Zannini con Andrea Morsero mette in scena l'erotismo violento di un'eroinomane amante nei confronti del suo maestro, uomo e complice

stampa articolo Scarica pdf

Se c’è un luogo a Roma dove lo spettacolo può trovare un’alta espressione di novità, anticonformismo, purezza intellettuale, quello è sicuramente la Cappella Orsini, l’Ex Chiesa di Santa Maria in Grotta Pinta che il maestro di cerimonie Roberto Lucifero ha trasformato in una associazione unica nel suo genere da annoverare fra le bellezze particolari da ammirare e da vivere quando si vive e si visita la Capitale. E per il 30 giugno alle ore 21, ad essere previsto è davvero un evento speciale con la rappresentazione di Blood il dramma tossico realizzato da due figure tra le più interessanti della scena contemporanea italiana come Mariaelena Masetti Zannini, istrionica nobildonna che da circa vent'anni porta avanti una ricerca teatrale intrisa di poesia e letterarietà e Andrea Morsero (aka In.Visible), eclettico musicista, compositore e carismatico performer, con una lunga carriera tutta votata all’affermazione dello scambio tra le diverse espressioni artistiche.

Il suggestivo spazio della Cappella Orsini potrà sicuramente contribuire ad esaltare la storia di una coppia maledetta che mette in scena l'erotismo violento di un'eroinomane amante nei confronti del suo maestro, uomo e complice fino ad arrivare al loro completo stordimento che confluisce in uno stato di assoluta sinestesia, dentro la fusione mistica e omicida che si compie fra arte e vita.

Blood ha anche il pregio di essere una sperimentazione linguistica. Infatti, per questo particolare recital fondante sulla performance live interamente in inglese e tedesco (forte di una drammaturgia che unisce composizioni dell'autrice a riferimenti scrittorici contemporanei femministi d’oltreoceano, come l'incredibile Ann Sexton), si pone come fil rouge funambolico sul pentagramma dei brani psichedelici di In.Visible, eseguiti on stage in un’ideale e frenetico impulso tra parola e suono.

Mariaelena Masetti Zannini è attrice, scrittrice, regista che, dopo gli studi accademici e filosofici ed una stretta collaborazione con il Centro Nazionale di Drammaturgia, porta in scena da oltre vent’anni le proprie opere. Vincitrice di vari premi letterari, vanta fra le sue opere l’amato SS (sulla sindrome di Stoccolma nei lager nazisti) e il notevole MUSAMI O VATE , ispirato all’universo erotico di D’Annunzio (Festival internazionale del Teatro di Volterra). Interessanti le sperimentazioni con il pittore Giancarlino Benedetti Corcos e l’iconico CABARET DOMESTIQUE (con Giuditta Sin e Gonzalo Mirabella), oltre a innumerevoli collaborazioni teatrali.

Andrea Morsero, invece, è musicista, compositore, DJ, performer con una carriera di otre 25 anni in cui ha calcato i palchi di tutta Italia e di mezza Europa. Da importanti collaborazioni nell’ambito della musica underground italiana ad esperienze nel campo della contemporary art fino all’esperienza come DJ internazionale che vede Morsero performare in grandi contesti vicino a mostri sacri della club culture. Nel 2013 avviene l’ennesimo mutamento di pelle di Morsero con lo pseudonimo di IN.VISIBLE, con il quale pubblica due album ( HAVE YOU EVER BEEN e EXOTIC WHITE ALIEN ) a cavallo tra elettronica, sperimentazione e psichedelia, insieme alla cover di un classico dei DOORS di JIM MORRISON ( PEOPLE ARE STRANGE ) che rendono giustizia alla vocazione europea del progetto che si esibisce più volte a Berlino e Mosca.

Lo spettacolo Blood avrà inizio alle ore 21.00 ed è gradita la prenotazione dato che per le normative in vigore non sarà possibile superare più di ventidue partecipanti. Cappella Orsini, con il servizio bar e ristorante sarà comunque aperto già dall'orario aperitivo.

Rosario Schibeci

© Riproduzione riservata