Il Risveglio Dell’arte è A Roma Con L'appuntamento OpenARTmarket

Il Risveglio Dell’arte è A Roma Con L'appuntamento OpenARTmarket

Si è svolto il vernissage d’inaugurazione del XXIV di OpenARTmarket, l’innovativo progetto artistico a cura dell’architetto Antonietta Campilongo

stampa articolo Scarica pdf

A Roma si torna a respirare l’arte, ad ammirarla dal vivo e non più solo attraverso gli asettici schermi di computer e telefoni. D’altra parte, per conoscere a pieno l’emozione che l’opera d’arte è in grado di restituire ad ogni individuo, è indubbiamente preferibile vivere, e spesso condividere, l’esperienza estetica ed immersiva attraverso il prodotto artistico stesso.

Questo è ciò che accade visitando OpenARTmarket, un progetto innovativo nel mondo dell’arte contemporanea, un’idea che – come si legge sul website dedicato – “è nata dall’esperienza e dalla passione di Antonietta Campilongo, architetto e curatrice di eventi, che da anni è attiva nel settore organizzativo dell’arte contemporanea in Italia e all’estero”. L’idea di OpenARTmarket prende vita insieme a partners di consolidata competenza nell’area dell’art-marketing, la mission è quella di “dare all’arte la capacità di aprire nuovi spazi di dialogo e far sì che l’arte contemporanea sia sempre meno un discorso per pochi, con meno timore reverenziale e più voglia di partecipazione.”

Da ieri giovedì 10 settembre 2020 quindi e fino al 17 settembre, presso la Galleria Mo.C.A. in Piazza degli Zingari, si potranno ammirare i lavori di artisti emergenti a livello nazionale ed internazionale con cataloghi e materiali di presentazione. Una vera e propria esposizione-mercato in cui l’opera e l’artista, rispettivamente prodotto e produttore d’arte, escono dalla logica dell’eccezionalità e del collezionismo d’élite, per diventare un mezzo di comunicazione sociale ed estetico a costi accessibili a tutti: come giustamente osserva Antonietta Campilongo - “l’acquisto d’arte è un atto di felicità, di gioia e ispirazione che nessuno dovrebbe perdere nella vita.”

Ricchissimo il programma andato in scena in occasione dell’innovativo vernissage: a partire dalla performance “Visione di un frammento#1 Γολγοϑᾶ”, diretto ed interpretato dalla poliedrica giornalista Lara Ferrara, già nota nel panorama della cultura italiana per le sue competenze storico sociali e filosofiche, che ha magistralmente dato vita all’emozionante testo di Marco Degli Agosti (Ed Warner), curatore del montaggio e voce narrante del video. Special Guest di questo affascinante progetto, l’architetto ed artista Silvano Corno.

Un pubblico educato e rispettoso delle vigenti normative anti covid, ha potuto così ammirare le opere in mostra dei moltissimi, promettenti nomi del mondo artistico nazionale: Alessandro Angeletti, Antonella Bosio, Antonella Catini, Antonio Ceccarelli, Vincenza Costantini, Silvano Debernardi, Alexander Luigi Di Meglio, Giusy Lauriola, Valentina Lo Faro, Sebastiano Longo, Stefano Monti, Sandro Perelli, Flaviana Pesce, Gabriella Porpora, Loredana Salzano, Eugenia Serafini, Giovanna Silvestri, Anna Tonelli.

Di Erika Gottardi

© Riproduzione riservata