DEGNO FINALE PER I RACCONTI DI DIONISO

DEGNO FINALE PER I RACCONTI DI DIONISO

La rassegna si conclude con la straordinaria partecipazione di Francesco Pannofino in uno spettacolo-reading al Mausoleo di Cecilia Metella il 24 settembre.

stampa articolo Scarica pdf

Con il patrocinio della Regione Lazio e del Comune di Roma, con il Parco Archeologico dell’Appia Antica e il Parco Archeologico di Ostia Antica (tutelati dal Ministero della Cultura) il progetto I RACCONTI DI DIONISO è stato vincitore dell’avviso pubblico per il sostegno ai progetti di valorizzazione del patrimonio culturale attraverso lo spettacolo dal vivo nella Regione Lazio. Proprio il Parco Archeologico dell’Appia Antica con la Villa dei Quintili, il Mausoleo di Cecilia Metella e il Parco Archeologico di Ostia Antica con gli Scavi di Ostia Antica e il Castello di Giulio II sono stati i preziosi luoghi colmi di storia che hanno accolto  la ricca programmazione della prima edizione di questo variegato festival, con operatori provenienti da tutta la nazione, vera e propria stagione teatrale estiva della Capitale, diretta da Lorenzo De Santis, Silvia Ponzo (OPIFICIO03) e Francesco Antonio Nappi (IL DEMIURGO).

E ora giunge a conclusione il lungo percorso di questa rassegna di spettacoli tratti dal repertorio classico con due serate di tutto riguardo sempre nella splendida cornice di Roma antica. Si comincia venerdì 23 settembre al Mausoleo di Cecilia Metella del Parco Archeologico dell’Appia Antica, dove andranno in scena due spettacoli a cominciare dalle 19:15 con “MO VENE GODOT” prodotto da Feir Eventi, opera dalle note comiche, delicate e poetiche e dagli accenti eccentrici in cui si sottolinea quanto sia fondamentale pregustare qualcosa anche prima di averlo ottenuto. A seguire, alle 20:45 andrà in scena “LE IDI DI MARZO” prodotto da Opificio03, liberamente ispirata al “Giulio Cesare” di Shakespeare, in una messinscena scenograficamente minima, con una pièce è affidata alla potenza del testo e alla fisicità degli attori.

Sabato 24 settembre, sempre al Mausoleo di Cecilia Metella, alle 19:15 andrà in scena lo spettacolo prodotto da Opificio03 “CANTO PE' CANTÀ” un percorso canoro nel quale vari personaggi del passato racconteranno al pubblico, in modo coinvolgente e divertente, la storia del dialetto romano dall’Alto Medioevo al Novecento, facendoci scoprire come la lingua romana è cambiata nel tempo e quali forme poetiche hanno accompagnato quest’evoluzione, arrivando fino al celebre stornello. Con la regia di Lorenzo De Santis e gli attori Irene Cannello, Lorenzo De Santis e Nino Sileci. Dopo una piccola pausa seguirà “MITI IN VIAGGIO” una produzione di Opificio03 – Il Demiurgo dove tra Reading e performance teatrale si esibirà lo straordinario Francesco Pannofino. Con lui gli attori delle compagnie organizzatrici della rassegna (Lorenzo De santis, Nicola Le Donne, Franco Nappi, Silvia Ponzo, Marco Serra, Nino Sileci, Chiara Vitiello), per rievocare suggestioni sonore e vocali, affrontando l’idea del viaggio e del racconto che ha fatto da trait d’union all’intero progetto “I racconti di Dioniso”. Uno spettacolo ispirato ai Nostoi del ciclo omerico, i viaggi di ritorno che gli eroi achei vissero per tornare a casa: dal catartico viaggio nell’Ade di Odisseo al tremendo ritorno di Agamennone, dalle Paludi di Hesperia che inghiottono il fato di Diomede, alla terribile vendetta dell’argonauta Nauplio che, assetato di sangue alla notizia dell’ingiusta morte del figlio Palamede cagiona il naufragio di tanti Achei di ritorno da Ilio, fino al sereno ritorno del saggio Nestore, e al gelido incedere dei destini di Menelao ed Elena, di nuovo sposi e re, in una Sparta spettrale e triste, carica del dolore degli anni di guerra.

© Riproduzione riservata