FESTIVAL APERTO 2022: LO SPETTACOLO TEATRALE DI ADRIANO BOLOGNINO

FESTIVAL APERTO 2022: LO SPETTACOLO TEATRALE DI ADRIANO BOLOGNINO

Lo spettacolo indica un futuro ignoto ma pieno di speranze, uno stato d'animo che suscita la potenza delle immagini attraverso il ballo

stampa articolo Scarica pdf


Reggio Emilia. Al Teatro Cavallerizza in Via Allegri 8, con l'iniziativa "Teatro Aperto 2022", il 19 ottobre è stato ospitato lo spettacolo di Adriano Bolognino dal titolo "Rua da Saudade".

Il termine "Saudade" rievoca un suono dolce e melodioso, quasi nostalgico e deriva dal portoghese. Il suo significato risulta quasi impossibile spiegarlo a parole, perchè non è traducibile ma soltanto con la forza portentosa dell'arte, la parola può essere tramutata in forza espressiva. Saudade indica la forza, la potenza umana di sentire le emozioni e la vita sulla propria pelle, sentire il vissuto che ci scorre davanti, dare importanza al passato e al presente che sono rivolte al futuro.

Lo spettacolo indica un futuro ignoto ma pieno di speranze, uno stato d'animo che suscita la potenza delle immagini attraverso il ballo e la coreografia, la musica. Una nostalgia forte e autentica che si ferma nel tempo perduto, ma che sarà poi rielaborato per essere un dolore cosciente, consapevole. Saudade indica un pezzo di vita che puoi scorgere ma al contempo hai lasciato dietro di te, che si conserva nella tua anima.

Uno spettacolo che ha dell'inspiegabile, ideato da Adriano Bolognino, il visionario dell'arte, coreografo del suo spettacolo, le danzatrici sono Rosaria di Maro, Giorgia Longo, Roberta Fanzini e Noemi Caricchia.

Lo spettacolo è in coproduzione con Torinodanza Festival, Teatro Stabile di Torino, Festival Aperto, Fondazione I Teatri, Orsolina 28 con il supporto del Teatro Pubblico Campano.

Evelyn Grazia Nericcio

© Riproduzione riservata