Concorso Enologico Nazionale Vini Rosati D'Italia

Concorso Enologico Nazionale Vini Rosati D'Italia

Presso l' Hotel Rome Cavalieri, in Via Alberto Cadlolo 101, si è tenuta la 4^ edizione del “Concorso Enologico Nazionale Vini Rosati d'Italia”, organizzata dall’ Assessorato alle Risorse Agroalimentari della Regione Puglia in collaborazione con Bibenda Roma.

445
stampa articolo Galleria multimediale Scarica pdf

Unfolding Roma, presente per raccontarvi l'evento, con la partecipazione di 176 cantine, 235 campioni da 16 regioni, la giuria ha premiato il Veneto con due medaglie d'oro; Abruzzo, Sicilia, Emilia Romagna e Puglia con una a testa. I vini rosati, ottenuti con innovative tecnologie enologiche ma con una metodologia di lavorazione naturale, atte a mantenere le spiccate qualità delle uve italiane. Freschezza, gusto vellutato e morbido rendono questi molto versatili, delicati ed attraenti, con una gradazione alcoolica intorno ai 12 gradi. Per le bollicine Rose’, da uve di Pinot Nero, spumantizzazione ottenuta con il Metodo Classico, tramite una macerazione a bassa temperatura fino ad ottenere una decisa colorazione rosa. Questi spumanti, una volta domati sanno dare una fragranza ed una complessità di profumo quasi impossibile da ottenere da altri vitigni; armonico, vivace e lievemente amarognolo, con i suoi 13 gradi circa. Una particolare attenzione, rivolta ai vigneti, garantisce uve di prima qualità, mature sane e concentrate, per ottenere eccellenze. La tecnica di coltivazione garantisce vini in cui si esaltano le sfumature, le terre di origine, le caratteristiche del territorio di frutta rossa e spezie, senza coltivazione intensiva ma con il giusto spazio per ogni pianta.
La regione Puglia, ha come obiettivo la valorizzazione dei prodotti agricoli e alimentari di qualità, con il marchio di garanzia seguendo i 5 punti del programma: la qualità, il biologico col 40% del totale italiano, etico col rispetto dei lavoratori e dell'ambiente, il tipico con le DOP, IGT e IGP, la tradizione con la riscoperta del passato, riesce a fornire un gioiello 100% pugliese.
“Rosa ciliegia, con riflessi brillanti.  Al naso presenta richiami a frutta rosa e marasca,  al palato in evidenza freschezza e vivacità  ben sposata ad una morbidezza  che contribuisce a un piacevole palato”. Taranta
Soddisfatto della riuscita dell'evento anche l'assessore alle Risorse agroalimentari della Regione Puglia, Leonardo Di Gioia, che a conclusione dichiarava: “ il valore strategico che hanno le azioni di promozione e valorizzazione, rendono i nostri incontri, mirati alla commercializzazione di prodotti superiori. Il successo rafforza la qualità del rosato italiano, figlio di tecniche all'avanguardia e delle tante varietà di ogni singolo territorio. La produzione aumenta insieme al consumo con scelte anche dall'estero”.
I partecipanti hanno potuto abbinare la vasta disponibilità di etichette, oltre 250 da tutta Italia, ai prodotti gastronomici tipici pugliesi, tra focacce, caciocavalli, capocollo, legumi e pomodori secchi tutti rigorosamente conditi da olio extra vergine d'oliva regionale.
La serata è stata presentata da Fede e Tinto, del famoso programma radiofonico Decanter di Radio2, e con la piacevole partecipazione del comico e chef Andy Luotto.
di Stefano Boccia per Unfolding Roma

© Riproduzione riservata

Multimedia