Al The Westin Excelsior Rome Per Lo Storico Drink Cardinale

Al The Westin Excelsior Rome Per Lo Storico Drink Cardinale

Nella hall dell’incantevole albergo romano, che di anni ne ha ben 118, la serata ha celebrato un drink iconico, nato tra queste mura

stampa articolo Scarica pdf

In una splendida cornice, che profuma di passato, tradizioni, eleganza e ospitalità, si è celebrato il “Cardinale” il cocktail simbolo della Dolce Vita; Via Veneto ricorda molto bene quegli anni d’oro di un tempo passato e anche nostalgico. 

 

Il drink Cardinale è stato creato al The Westin Excelsior Rome, il quale ha aperto le sue porte al mondo nel lontano 1906. La grande notizia è che il drink entra nella IBA Official Cocktail Guide 2024 e la serata del 15 maggio ha festeggiato questo traguardo.

 

La passione, la professionalità e la forza della tradizione, sono sicuramente degli ingredienti vincenti e sono ben “miscelati”, tanto per restare in tema. Sono proprio gli stessi a portare il team dell’ORVM Bar, guidato da Luca di Francia Supervisor Bartender, a promuovere l’iconico drink Cardinale tra i migliori 101 cocktails nel mondo, insigniti dalla guida IBA 2024, a cura dell’Associazione Internazionale Bartenders. 

Il “Cardinale” e la sua storia

Il Cardinale, risulta essere l’unico cocktail romano a far parte della guida mondiale, tra i drink che rappresentano la nostra Italia nel mondo intero, insieme a due classici drink italiani e molto conosciuti come il Negroni e lo Spritz per intenderci.

I cocktail IBA sono i drink universalmente riconosciuti dalla International Bartenders Association, il più autorevole organismo nel mondo del bartendering. Le ricette dei drink sono codificate negli ingredienti, nelle dosi, nel bicchiere, nelle guarnizioni e nella tecnica di miscelazione. In questo modo un drink è riproducibile in qualsiasi parte del mondo. 

 

Il Cardinale fu inventato nel 1950 dal barman Giovanni Raimondo all’Hotel Excelsior di Roma, presso l’attuale ORVM Bar, il quale è diventata una sosta importante nella Capitale. Tutti, ci passano prima o poi e sicuramente ci ritornano. Qui si respira una tradizione “lussuosa”.

A quell’epoca l’Hotel Excelsior, anche grazie alla vicinanza con l’ambasciata americana, era diventato un luogo molto frequentato da ospiti internazionali e non solo romani. Raimondo, allora capo barman, era già una figura nota agli amanti della mixology. Tra i suoi stimati ospiti e frequentatore dell’Hotel, c’era il Cardinale Americano Joseph Spellman, stimatore del riesling della Mosella.  Per lui Raimondo crea un aperitivo rivisitato, dal colore cardinalizio. Da qui parte tutto.

 

Nasce così “il Cardinale”: gin, bitter Campari e riesling della Mosella, per finire chiodi garofano, cannella e zest di limone. 

Il cocktail ottiene un successo clamoroso e immediato, rendendo Raimondo una figura di riferimento della mixology italiana di allora. Ben presto il Cardinale diventa il drink più bevuto, copiato in tutti i Bar d’Europa ed esportato negli Stati Uniti dai militari dell’ambasciata americana e dai tanti artisti del cinema. 

 

Oggi come allora, il Team dell’ORVM Bar lo propone nella versione originale, offrendo all’ospite un’esperienza unica: la preparazione dal vivo, eseguendola dallo speciale carrello da cocktail, un cimelio, proprio come faceva già negli anni ’50 Giovanni Raimondo. 

 

The Westin Excelsior Rome

 

Questo affascinante e storico albergo è stato inaugurato nel 1906, di storia ne ha tanta da raccontare ed è il primo hotel internazionale di quella Via Veneto che ha sempre pulsato di Dolce Vita, quella del grande Federico Fellini.

 

Il The Westin Excelsior Rome è uno dei palazzi più belli e storici di Roma, grazie all’iconico Café Doney, le sue 316 camere, 12 sale meeting, Doney Restaurant & Café, Kami Spa e poi, fiore all’occhiello, l’Orvm Bar.

 

Tra le 35 suite, Villa La Cupola primeggia, per le sue dimensioni, ben 1,100 metri quadri. All’interno arredi di lusso e ad oggi è considerata tra le suite più prestigiose d’Europa.

 

La struttura fa parte della catena Marriott International.

 

Filly di Somma  

 

© Riproduzione riservata