Love, Icone D’arte Tra Immagini E Musica

Al Chiostro del Bramante l’arte contemporanea incontra l’amore

2149
stampa articolo Galleria multimediale Scarica pdf

Fino al 19 febbraio 2017 il Chiostro del Bramante celebra i suoi 20 anni di attività con una mostra dal carattere internazionale, il cui corpo dà vigore alla creatività; opere immersive che creano un rapporto con il visitatore coinvolgendolo a 360 gradi. Love. L’arte contemporanea incontra l’amore, una mostra che va oltre il concetto di museo ponendo al proprio centro il visitatore.

Una sfida che si pone il fine di rinnovare un contenitore d'arte trasformando ogni connessione in opera d’arte, persino le audioguide: un gioco attraverso il quale l'avventore verrà accompagnano da personaggi, icone del tempo che fu, che narreranno l’esposizione con i propri occhi suggerendo impressioni ed emozioni caratteristiche del partner prescelto; cinque soggetti realmente esistiti che hanno accompagnato l'immaginario comune, John, Coco, Amy, David e Lilly. Un amore sensibile a cui i visitatori apriranno le porte grazie all’incontro con questi affascinanti personaggi.

Una mostra che non ha paura di parlare dell'amore e del suo significato contradditorio rappresentato dal simbolo del cuore. Come sottolineato da Danilo Eccher, curatore dell’esposizione, una rassegna che non vuole rispondere a cosa è l'amore ma vuole offrire chiavi di lettura in cui le opere raccontano il sentimento per mezzo di tranelli, inganni della vista; una mostra che vuole far provare l'esperienza di sentire l'amore cercando e trovando la propria opera.

Il viaggio nel Chiostro del Bramante si apre con Love e Amor (1966-1999), un quadrato di lettere in soli due colori per un connubio perfetto; Robert Indiana invade lo spazio con un messaggio dal carattere comune a sugellare la presenza di nobili sentimenti nella vita di ognuno di noi.

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});  

Nuvole impercettibili di fumo incorniciano bocche prorompenti assorte nel femminile gesto di fumare; Tom Wesselmann propone un’immagine volutamente stereotipata e commerciale dal contorno pop ma in grado di sfiorare seduzione ed erotismo (Smoker #3, 2003).

Seducente l’istallazione di Joana Vasconcelos in cui l’artista, tramite l’ausilio di banali forchette in plastica, parte da un'immagine del passato riproponendola priva di orpelli: un gigantesco cuore che, accompagnato dalla suadente voce di Amalia Rodriguez, contrappone la ripetiva quotidianità al simbolo tormentato dell’amore, una metafora del caleidoscopio di sensazioni che il nobile sentimento causa nell’innamorato (Coração Independente Vermelho #3, 2013).

Frammenti di corpi, prerogativa della bellezza femminile, torturati, feriti, intrappolati nel legno opprimente di Mark Manders; linguaggi scultorei che dialogano con quelli filmici in uno scambio seducente di sensazioni in cui gioco e amore si fondono tra sguardi intensi e labbra sfiorate (Francesco Vezzoli, Self Portrait as Apollo del Belvedere, 2011).

Suggestioni in cui l’immagine iconica diviene firma di un’artista come Andy Warhol, riprodotta, nella sua contemporaneità, a metà strada tra il sogno visionario di una bellezza rifulgente e la semplicità di uno sguardo in cui convogliano tutte le espressioni, i sentimenti, le immagini (One Multicoloured Marilyn, 1979-1986).

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});  

L’amore implica anche il mettersi in gioco in prima persona, il partecipare attivamente e non solo da semplice spettatore; questo sembra chiedere Yayoi Kusama nella sua All the Eternal Love I Have for the Pumpkins (2016); un’opera in cui immergersi nell’infinito riflesso moltiplicato dagli specchi, in un’atmosfera tra il sogno e la realtà in cui le prospettive si falsano ed i protagonisti si confondono con gli oggetti. Un’esposizione in cui arte e scrittura si raccontano anche tramite le luminose grafie intime di Tracey Emin con My Forgotten Heart (2015).

Armonie, trasgressioni, sonorità che si snodano lungo un percorso espositivo non convenzionale, caratterizzato da numerosi input visivi e percettivi, a sottolineare l’ambiguità e le mille sfumature di un sentimento che da secoli trascina il mondo.

Ilenia Maria Melis

Love. L’arte contemporanea incontra l’amore

Chiostro del Bramante

Via della Pace, Roma

www.chiostrodelbramante.it

© Riproduzione riservata

Multimedia