Fondamenta Gallery Ospita I Lavori Di Valter Vari

Fondamenta Gallery Ospita I Lavori Di Valter Vari

il lavoro dell'artista trova la totale indiscussa legittimazione, in termini di valore, in quanto ebbe a dire Vittorio Sgarbi relativamente al riutilizzo degli oggetti: “dall’abbandono delle cose c'è la loro rinascita nella forma."

150
stampa articolo Scarica pdf

Dal 29 aprile al 15 aprile "Fondamenta Gallery" ospita i lavori di Valter Vari in una personale dal titolo "tracce in città".Oltre che pittore Vari è architetto e, in quanto tale, gli viene naturale interrogarsi sul tema della città.Gli innesti , le intersezioni magmatiche e fortemente colorate delle sue tessiture, il dinamismo  gestuale che emanano, ci riportano con la mente ad una delle più recenti fatiche letterarie di Franco Ferrarotti sul tema della città ed in particolare delle periferie: " Periferie da Problema a Risorsa".Vari esalta nel contrasto tra informalità e tessitura quanto avviene sempre di più nella distribuzione territoriale delle aree metropolitane. Sono opere che sembrano sottolineare come alla città formale si contrappone lo sprawl urbano; tra la città propria" e la " città altra" si snoda un confine mobile alla ricerca costante di una definizione.Vari opera con le sue riflessioni artistiche sull'area metropolitana di Roma e la forza della sua gestualità, della sua polifonia tende a pensare le periferie non come un pericolo, un mostro da arginare a tutti i costi ma come territorio dove rintracciare idee, risorse da coltivare: è l'approccio di chi vive la speranza di una città futura che non sia solo un atto pianificato dall'alto, ma che tenga conto di molteplici istanze.Sempre nello "sprawl" periferico Vari amplia la sua operatività artistica ricercando oggetti rifiutati, dispersi, abbandonati per ricontestualizzarli in installazioni capaci di restituire dignità al loro carico storico; è il carico storico impregnato di semplici storie di gente comune.Qui il lavoro dell'artista trova la totale indiscussa legittimazione, in termini di valore, in quanto ebbe a dire Vittorio Sgarbi relativamente al riutilizzo degli oggetti: “dall’abbandono delle cose c'è la loro rinascita nella forma."

Maria Laura Perilli 

© Riproduzione riservata