Alessandra Carloni Anime Funambole

Alessandra Carloni Anime Funambole

ANIME FUNAMBOLE presso la Collezionando Gallery

187
stampa articolo Scarica pdf

Venerdì 31 Maggio alle ore 19 si inaugura ANIME FUNAMBOLE, mostra personale di Alessandra Carloni a cura di Ada Egidio presso la Collezionando Gallery in via Nostra Signora di Lourdes, 122.

Alessandra Carloni è una talentuosa pittrice romana che parallelamente alla sua esperienza pittorica, porta avanti con successo anche l’attività di street artist. Vincitrice nel 2011 del premio "Murale ovidiano", promosso dall'Associazione “Amici del Certamen” di Sulmona è stata intervista dall'UnfoldingRoma in passato.

Dice di lei il critico d'arte Giorgio Vulcano a proposito della mostra personale ANIME FUNAMBOLE: "Ci si scontra con realtà impossibili, a volte cariche di sogno e imprevedibili suggestioni, quando il bello del possedere e’ sopraffatto dal continuo desiderare.

Alessandra Carloni racconta, grazie ad una chiarezza compositiva e suadente, il ruolo persuasivo di un uomo funambolo e il suo perenne equilibrio sul filo labile della vita; un poeta viaggiatore che cerca di imparare ad ascoltare la sua voce piu’ profonda, quella della memoria del suo bagaglio, prezioso e fragile,  che  tende pero’ verso quel desiderio di ciò’ che non abbiamo ancora o che vorremmo raggiungere sempre piu’.

Per un omino funambolo la realta’ si carica di straordinarie e possibili visioni e i mondi paralleli diventano sempre più accessibili. Il suo e’ un perenne navigare in improbabili luoghi e futuristiche macchine, riflesso di azzardati bilanciamenti sulla tremula fune della ragione; la vita per lui e’ un continuo sogno varcabile, e’ fluida condotta di un sentimento contrastato, e’ un gioco sospeso tra insoddisfazioni e apparenti stabilita’: cosi’ si spiegano in indefiniti paesaggi le navi sospese, le mongolfiere in movimento, le valigie volanti e i cappellini con eliche, con cui anche il pensiero e’ sempre in moto.

I primi piani e i particolari, gli oggetti e persino i volti , quasi privi di tratti somatici, sono definiti ad olio e diventano elementi di racconto visivo di uno stato d’animo contemporaneo e collettivo, di chi e’ desideroso di affermare sempre piu’ il proprio percorso, determinante di vita e di certezze.

I colori, mai completamente puri, raggiungono gradazioni particolari grazie ad una attenta sperimentazione dell’artista; Anche il colore , dunque, diviene metafora del possibile, si evolve nella miscelazione di altre tinte, creando nuance uniche e irripetibili. Il disegno, invece, caratterizzato da una mirabile padronanza del tratto segnico,  tradisce la concretezza della realta’, contrapponendosi all’effetto dinamico delle tonalita’ nelle composizioni."

E' una mostra, un evento da non perdere per chi ama l'arte e i nuovi artisti emergenti.

Alessio Capponi

© Riproduzione riservata