Prestiti E Mutui Online: Come Riconoscere Intermediari E Partner Sicuri In Poche Semplici Mosse

Prestiti E Mutui Online: Come Riconoscere Intermediari E Partner Sicuri In Poche Semplici Mosse

I moderni browser, in ogni caso, sono soliti segnalare la navigazione su siti web obsoleti o non sicuri in automatico, quindi basta prestare attenzione a questo piccolo dettaglio prima di procedere.

stampa articolo Scarica pdf


Uno degli aspetti particolarmente vantaggiosi del web è quello di aver agevolato qualsiasi genere di transazione, dagli acquisti dei propri prodotti preferiti alla richiesta di prestiti e finanziamenti, passando per pagamenti rapidi di tasse, bollo e molto altro ancora. Oggi è addirittura possibile valutare all’istante più proposte, utilizzando strumenti gratuiti come il comparatore di mutui di ComparaSemplice.it, nel caso in cui si sia alla ricerca della miglior proposta sul mercato finanziario.

Ciò che, tuttavia, risulta meno semplice per un certo numero di utenti, è riconoscere proposte sicure e affidabili da altre che, invece, non lo sono. Fortunatamente nel nostro Paese esistono norme molto rigide, nonché standard severi di qualità a cui banche e finanziarie devono attenersi per erogare servizi di prestiti e simili tramite le piattaforme digitali. In pratica, nulla è lasciato al caso.

Ciò nonostante è bene ricordare che dal momento in cui si decide di utilizzare il web per effettuare un’operazione, bisogna esser perfettamente informati su ogni aspetto del suo funzionamento e, quindi, anche delle norme di sicurezza a cui attenersi. Scopriamo quali sono le principali.

Il sito web è sicuro?

Per capire se un sito è sicuro, quindi a norma rispetto ai più recenti standard nazionali e internazionali di sicurezza informatica, basta una semplice occhiata, in alto, dove si digita l’indirizzo web.

Se la URL inizia per https, è già di per sé un buon segno. In aggiunta, passando con il mouse sul lucchetto accanto all’indirizzo web, apparirà un messaggio che informa se il sito sia sicuro o meno.

I moderni browser, in ogni caso, sono soliti segnalare la navigazione su siti web obsoleti o non sicuri in automatico, quindi basta prestare attenzione a questo piccolo dettaglio prima di procedere.

I recapiti sono facilmente rintracciabili?

In genere un sito web ufficiale e affidabile contiene molte informazioni in termini di sicurezza e trasparenza, generalmente in basso nel footer. In quella sezione è possibile consultare la ragione sociale, la presenza delle sedi, le modalità di recapito e tutto ciò che può rivelarsi utile per dialogare con la banca.

In assenza di tali riferimenti, forse, è meglio non prendere decisioni e informarsi meglio. Va ricordato anche che un operatore serio ed affidabile non metterebbe mai fretta di procedere al cliente, soprattutto prima di prendere una decisione importante come quella di un mutuo o un prestito.

Queste pratiche, anche se si possono svolgere online, richiedono tempo e, in ogni caso, danno la possibilità al cliente di relazionarsi con un operatore, sia dal vivo che tramite contatto virtuale o telefonico.

La banca è iscritta agli Albi di Vigilanza?

Infine si può sempre verificare la liceità della banca con cui si sta trattando online attraverso la consultazione degli albi di vigilanza. Questi elenchi contengono le principali informazioni di tutti gli intermediari finanziari autorizzati ad operare nel nostro Paese.

Si tratta di un elenco sempre aggiornato, grazie al quale è possibile anche aprire delle segnalazioni qualora vi foste trovati ad entrare in contatto con dei malintenzionati. Inoltre ricordiamo sempre di consultare la sezione FAQ della banca, verificando quali sono le modalità con cui questa è solita entrare in contatto con i clienti. Infine non bisogna cliccare link sconosciuti ricevuti per mail o per SMS, soprattutto se hanno a che fare con azioni urgenti da compiere.

 

Gregorio Pastorelli

 

 

© Riproduzione riservata