BANCA NAZIONALE SVIZZERA E FRANCO SVIZZERO

Brevemente un poco di storia:Il franco svizzero (CHF) è la valuta ufficiale della Svizzera e del Liechtenstein.Art.Dott. Marco Vitrò

679
stampa articolo Scarica pdf

BANCA NAZIONALE SVIZZERA E FRANCO SVIZZERO

Brevemente un poco di storia:

Il franco svizzero (CHF) è la valuta ufficiale della Svizzera e del Liechtenstein.

Dal 1803 la Svizzera aveva un sistema di conio decentralizzato. Le banche emettevano banconote mentre le valute estere si riversavano nel paese. Nel 1820 c'erano almeno 8.000 monete diverse in circolazione. Nel 1825, diversi cantoni - le divisioni amministrative regionali di uno stato - emettevano una moneta standard chiamata "Konkordanzbatzen".Dopo la costituzione federale svizzera del 1848, solo il governo è stato in grado di emettere denaro. Nel 1850 fu approvato il Federal Coinage Act, introducendo il franco come moneta ufficiale della Svizzera. La Banca nazionale svizzera (BNS) è nata dalla volontà di ridurre il numero di banche emittenti di banconote nel diciannovesimo secolo.Una mozione per stabilire una banca centrale nel 1885 fallì, ma un secondo tentativo nel 1903 riuscì alla fine. La BNS fu creata nel 1907 e concesse il monopolio sull'emissione di banconote nel 1910. Nel 1930 aderì alla Bank of International Settlements (BRI). La Banca nazionale è diversa dalla maggior parte delle altre banche centrali, in quanto è una "società per azioni speciale". Il suo capitale sociale è di CHF 250.000. Questo è suddiviso in 100.000 azioni nominative, in modo che ciascuna di esse abbia un valore nominale di CHF 250. Le azioni della BNS sono quotate alla borsa svizzera. Gli azionisti possono ricevere dividendi, ma questi sono limitati al 6%. Nel 2017, il settore pubblico deteneva il 76,36% delle azioni della Banca nazionale, mentre i proprietari privati ​​rappresentavano il 23,64%. La BNS ha un consiglio di amministrazione composto da tre persone, ciascuna delle quali è responsabile di una divisione specifica all'interno della banca. Sono incaricati di adempiere e mantenere il mandato di stabilità dei prezzi della banca centrale tenendo conto delle circostanze economiche. Il limite della quotazione di inflazione non è un numero assoluto ma una banda con livelli superiore ed inferiore. La banca centrale utilizza strumenti politici quali aumenti dei tassi d'interesse e tagli per raggiungere l'obiettivo di crescita dei prezzi, sia con politiche hawkish (intransigenti aggressive) o accomodanti da parte dei funzionari della BNS. Tanto per non dimenticare, quando iniziò nel 2011 la crisi del debito dell'Eurozona, con le prime turbolenze in Grecia sempre nel 2011, gli operatori finanziari istituzionali hanno iniziato a comprare il franco svizzero come alternativa all'euro. Essendo però la Svizzera un'economia trainata dalle esportazioni, il franco più forte ha rappresentato un ostacolo per la crescita economica. Ha anche minato lo sforzo di bandire la deflazione dell'era della crisi. Per contrastare questo, la BNS ha deciso nel 2011 di mettere un minimo di rapporto EUR / CHF a 1,20. Così se il rapporto EUR / CHF si avvicinasse a scendere sotto questo tasso di cambio, la banca avrebbe indebolito l'unità svizzera vendendola sul mercato aperto. Questo processo di compensazione è durato fino all'inizio del 2015. Improvvisamente il 15 gennaio 2015 , nonostante le dichiarazioni dei funzionari della BNS, che confermavano l'impegno per il piano di equilibrio EUR / CHF a 1,20, comunicate pochi giorni prima , la banca centrale ha abbandonato la politica monetaria senza preavviso. La conseguenza in quel 15 gennaio 2015 fu il franco svizzero apprezzato con un astronomico + 30% sull'euro, scatenando il caos in tutti i rapporti valutari. La anca Nazionale Svizzera abbassando gradualmente i tassi di interesse dopo la Grande recessione a livelli negativi, ha incoraggiato l'uso di una strategia speculativa chiamata "carry trade". Ciò consente agli investitori utilizzando il franco preso a prestito a buon mercato di acquistare attività a rendimento più elevato; permettendo loro di guadagnare il differenziale del tasso di interesse come reddito. Quando i mercati finanziari sono relativamente rialzisti gli investitori investire su attività di rendimento rispetto alla sicurezza o protezione, l'aumento della domanda di strumenti finanziari a più alto rendimento tende a produrre un aumento gratuito dei loro quotazioni. Tali condizioni di mercato sono tipicamente caratterizzate da un aumento dei mercati azionari. Tuttavia, una svolta avversa nel sentimento del mercato che sposta l'interesse degli investitori sulla conservazione del capitale può mettere questa dinamica al contrario. Gli investitori che hanno acquistato attività più rischiose con franchi presi in prestito escono da tali posizioni e ricomprano l'unità svizzera per coprire i prestiti, portando la valuta più in alto. Ciò che spesso produce in pratica è una relazione inversa tra il franco svizzero e le attività "rischiose", vale a dire quelle con tassi di rendimento relativamente più alti rispetto ad alternative più sicure (un esempio comune del trade-off tra attività "rischiose" e attività "sicure" è tra azioni e obbligazioni, rispettivamente).Considerato infine che il franco svizzero è la sesta valuta più scambiata al mondo, secondo i dati della Bank of International Settlements (BRI), causa della sua vicinanza geografica e degli elevati volumi di scambi con l'UE, possedere cross valutari con franco svizzero offre un'opportunità unica per posizionarsi sui fondamentali della crescita dell'Eurozona senza esposizione alle sue problematiche strutturali. Durante i periodi di turbolenza economica o politica nell'UE, il franco è spesso visto come un rifugio del capitale.Inoltre, i meccanismi alla base del "carry trade" fanno del franco svizzero un modo comune per osservare ed esprimere un'opinione sulle tendenze generali del sentiment del mercato. Dal momento che la valuta cade frequentemente quando i mercati sono ampiamente ottimistici e guadagna in periodi di turbolenza, può servire come veicolo utile per ottenere un bilanciamento agli sbalzi d'umore generali del mercato. Queste le coppie di valute di franco svizzero CHF scambiate comunemente con andamento correlato ai mercati finanziari escluso CHF/JPY che ha una correlazione inversa:

• USD / CHF

• AUD / CHF

• CAD / CHF

• EUR / CHF

• GBP / CHF

• NZD / CHF

• CHF / JPY

Dott. Marco Vitrò

Servizi per investimenti ad alto reddito certificato.

International School of Trading

www.isot.it

www.vitraux.it

© Riproduzione riservata