Differenze Fra Investitori E Speculatori Nei Mercati Finanziari.

Differenze Fra Investitori E Speculatori Nei Mercati Finanziari.

Negli ultimi tempi in televisione non si sente parlare d’altro che di Borsa e di Mercati . Fino a poco tempo fa era un argomento poco interessante per i più, non che sia cambiato molto, e le notizie stesse erano marginali.Art. Marco Vitrò

586
stampa articolo Scarica pdf

Differenze fra investitori e speculatori nei mercati finanziari.

Negli ultimi tempi in televisione non si sente parlare d’altro che di Borsa e di Mercati . Fino a poco tempo fa era un argomento poco interessante per i più, non che sia cambiato molto, e le notizie stesse erano marginali, eppure ultimamente i telegiornali aprono con informazioni relative alla Borsa. Ai giornalisti piace dare notizie scioccanti:“Oggi venerdì nero per la Borsa, bruciati trentasette miliardi…” in realtà ciò che non si evidenzia è che se qualcuno ha perso questi trentasette miliardi, qualcun altro li ha guadagnati. Gli investitori avranno perso questi soldi mentre gli speculatori li avranno guadagnati. Qual è la differenza? Oltre gli investitori istituzionali, l’investitore privato è chi, per propria scelta o consigliato dal direttore della sua banca od altri pseudo esperti e consulenti vari , investe i suoi risparmi in fondi che le banche, società d’investimento o d' intermediazione finanziaria, hanno preparato e confezionato per i propri clienti; oppure è colui che , per proprio conto, acquista obbligazioni o delle azioni diversificate nei mercati azionari. In ogni modo la caratteristica comune degli investitori è che non hanno altra possibilità di guadagnare che sperare ed attendere che le quotazioni degli strumenti finanziari acquistati salgano per prendere un poco di profitto; anche se il vecchio proverbio dice: "chi di speranza vive....... disperato muore" . Lo speculatore, invece, al di là dell’accezione negativa ormai assunta, è colui che riesce a trarre profitto indipendentemente dall’andamento dei mercati .È proprio questo il significato della parola trader, ovvero speculatore o commerciante. Il trader ( lo speculatore) ha a disposizione degli strumenti che gli consentono di operare e sfruttare anche i movimenti ribassisti dei mercati. Tale possibilità gli viene consentita tramite la vendita allo scoperto di uno strumento finanziario che in realtà non possiede. Tale meccanismo si articola tramite un contratto (oggi telematico) che offre la possibilità , alla parte venditrice, di impegnarsi a vendere uno strumento , non posseduto, ad un prezzo prestabilito entro un termine futuro; ossia lo speculatore in realtà non è altro colui che riesce a trarre profitto in ogni condizione di mercato sia esso rialzista che ribassista tramite la possibilità di sfruttare una promessa di vendita futura su un prezzo stabilito al presente.

Dott. Marco Vitrò

Servizi per investimenti ad alto reddito certificato.

International School of Trading

www.isot.it

www.vitraux.it

© Riproduzione riservata