Valerio Pagliari

Valerio Pagliari

Per me la fotografia è emozione e bellezza

1521
stampa articolo Galleria multimediale Scarica pdf

Chi è Valerio Pagliari?

Valerio Pagliari è una persona comune, come tutti, che ha delle passioni e vuole portarle avanti in tutti i modi. Mi piace l’allegria e la solarità delle persone, nella vita ci vogliono sempre più sorrisi da regalare e da regalarci. Può sembrare un atteggiamento superficiale, ma in realtà significa affrontare la vita sempre con il sorriso, in qualsiasi momento.Quindi mi ritengo una persona allegra e solare.

Che tipo di percorso formativo hai alle spalle?

Sono diplomato in ragioneria, ma questo titolo non mi è mai servito a nulla… Poi ho intrapreso un corso di due anni in una scuola privata di grafica e pubblicità. Da piccolo ho sempre avuto una passione per il disegno, poi ho svolto i lavori più disparati, di ogni genere, fino ad arrivare a fare il grafico ed il fotografo…anche se questa parola non la sento mia. Dopo molti anni ho deciso di riprendere una Reflex in mano e cominciare la mia strada, ho seguito dei corsi privati con dei fotografi professionisti, che stimo tantissimo, e poi sono andato avanti da solo, ma sempre imparando con gli occhi.

Qual è stato il tuo primo scatto fotografico?

Oddio…il mio primo scatto? La prima Reflex è stata quella a rullino di mio padre, avevo tredici anni; lui mi ha insegnato come usarla e le prime foto sono quelle scattate in gita allo zoo di Roma. Ovviamente si trattava di una Reflex con già l’esposimetro interno.

C’è un soggetto fotografico a cui sei rimasto particolarmente legato? Se si, perché?

Beh, questo è più un discorso di sintonia…l’importante è trovarsi bene con gli altri e sinceramente, fino ad oggi, devo dire che ho incontrato tutte persone veramente stupende, umili, dolci e allegre. Ognuno di loro mi ha lasciato un qualcosa.  

Per quale motivo hai scelto di dedicarti a cover boy e cover girl? È una scelta artistica o professionale?

Diciamo tutti e due. Penso sia normale ricercare la più ampia visibilità possibile e questo vale sia per me che per gli altri.

Alcuni fotografi hanno lasciato il segno e vengono comunemente considerati dei grandi artisti…gente come Steve McCurry, per dirne uno. A tal riguardo, c’è un fotografo che tu guardi con ammirazione e consideri fonte d’ispirazione?

Guarda, non ce n’è uno in particolare. Provo profonda stima e venerazione per alcuni, ma non mi ispiro a nessuno loro…sicuramente rappresentano uno stimolo ad andare avanti e fare sempre cose diverse, ma voglio percorrere un mio sentiero.

Come si esprime il talento nella fotografia?

Per me la fotografia è emozione e bellezza! Molti ti chiedono “che cosa ti trasmette questa foto”? Magari a volte può non darmi nessuna emozione, ma la vedi ed è semplicemente bellissima. Ognuno di noi esprime il talento secondo il suo modo di vivere e il suo vissuto. Esistono persone con un talento innato ed altre che raggiungono ottimi livelli studiando.  

La passione e una buona macchina possono bastare per intraprendere un percorso professionale come il tuo o serve necessariamente una formazione che passi per lo studio e l’affiancamento con professionisti già navigati?

La passione e una buona macchina sono solo l’inizio per intraprendere un percorso, in qualsiasi ambiente lavorativo. L’importante è non abbattersi mai, ma rialzarsi sempre e continuare per la propria strada…tanto più si cade e più si impara! Una formazione base ci deve essere, sia chiaro, ma diciamo che dipende molto da persona a persona. C’è gente che impara da sola, altri che fanno dei corsi. Io dico sempre che bisogna vedere qual è lo scopo della fotografia, da li si parte. Per farla diventare una professione consiglio sempre di fare corsi con veri professionisti, persone che hanno un nome, non con il corso che puoi trovare sotto casa. Con i veri professionisti sicuramente si imparano alcuni trucchi che da soli ci si arriva dopo anni ed anni… Forse.

La fotografia è sempre stata la tua grande passione o coltivi anche altri interessi?

Una delle mie passioni è l’arte in generale, in tutte le sue sfaccettature. Poi si, ho anche altre passioni ad oggi più importanti della fotografia…la mia compagna e i miei due bambini…la mia bellissima famiglia!

Quali sono i tuoi progetti per il futuro?

Per il futuro non ho progetti specifici, a parte quello di studiare, migliorarmi…e vincere il SuperEnalotto. Beh, un po’ di fortuna non guasterebbe!

© Riproduzione riservata

Multimedia