Wolfsberger-Roma 1-1 Primo Turno Europa League 2019-'20

Wolfsberger-Roma 1-1 Primo Turno Europa League 2019-'20

La Roma torna dall'Austria con un risultato positivo, che comunque è paragonabile al classico "bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto"

143
stampa articolo Scarica pdf

La Roma torna dalla trasferta austriaca con un pareggio 1-1 utilissimo ai fini della qualificazione (anche alla luce del contemporaneo 1-1 tra Basaksehir e Borussia Moenchengladbach), ma che lascia l'amaro in bocca per come è giunto.

Passati a condurre con una fortunosa rete di Spinazzola (una volta tanto, la Dea bendata si è ricordata dei giallo-rossi), gli uomini di Fonseca hanno poi incassato il pareggio ad inizio ripresa, su un errore in uscita dello stesso Spinazzola: palla persa e conclusione da fuori di Liendl, imparabile per il comunque bravo Mirante.

Il Wolfsberger gioca con tanta grinta, ma la Roma sfiora in seguito il raddoppio in più occasioni: clamorosa quella del 94', quando un cross di Kolarov non trattenuto dal portiere Kofler non trova nessun giallo-rosso pronto per il facile appoggio in rete.

La prima azione degna di nota giunge al 13', con Zaniolo bravo a mettere in mezzo un pallone basso per Kluivert, anticipato di un niente da Sollbauer, in scivolata.

Gli austriaci non stanno a guardare, sfiorando per due volte la marcatura al 22': un colpo di testa di Ritzmaier viene ottimamente respinto da Mirante e, sul proseguimento dell'azione, Schmid mette a lato.

Scampato il pericolo, gli uomini di Fonseca passano al 27', quando, su calcio d'angolo tirato da Pastore, Spinazzola colpisce di testa: dopo aver incocciato su Ritzmaier, la sfera sbatte nuovamente sul romanista, infilandosi poi lemme lemme in rete.

Il Wolfsberger spreca l'occasione del pareggio al 37', con Weissman che, da buona posizione, calcia debolmente.

La prima frazione termina, quindi, con la Roma in vantaggio.

La ripresa vede i giallo-rossi subito pericolosi con Zaniolo, che, servito da Kalinic, vede il suo rasoterra respinto dall'attento portiere locale Kofler (50').

Un giro di lancette più tardi, dal capovolgimento di fronte (da un calcio d'angolo dei giallo-rossi...), il Wolfsberger va vicino alle rete con Weissman, il cui sinistro piazzato viene bloccato in presa da Mirante.

Pericolo scampato? Per niente, poiché il successivo rilancio del portiere vede Spinazzola perdere malamente il possesso: la sfera giunge a Liendl, per una conclusione quasi fotocopia di quella di pochi attimi prima, con la sola differenza (non certo di poco conto) che il suo tiro ha molta più potenza di quello del suo compagno, infilandosi imparabilmente nel “sette” alla destra dell'incolpevole portiere romanista (51'). 1-1, tutto da rifare.

I padroni di casa ci mettono impegno, ma è la Roma ad andare vicina alla marcatura: al 74' con un debole diagonale di Pastore facilmente bloccato da Kofler, quindi al 75' con Zaniolo, il cui sinistro da fuori area viene respinto coi pugni dall'attento estremo difensore locale.

All'86' la Roma chiede (non a torto) un calcio di rigore per un “mani” in area di Rnic su una girata di Kalinic (peraltro strattonato al momento della conclusione): il direttore di gara fa, però, proseguire.

All'87' Schmid s'invola sulla fascia destra, mettendo in mezzo un pallone invitante: il suo cross basso non trova, però, nessun austriaco pronto per il tap-in.

L'ultima azione della gara (94') vede la Roma a un passo dal successo: cross teso rasoterra di Kolarov (subentrato all'80' a Spinazzola) dalla sinistra, il portiere Kofler perde la sfera, ma nessun romanista è pronto per l'appoggio in rete.

Finisce, quindi, in parità, un 1-1 che consiste in una sorta di "bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto": con un po' più di attenzione, infatti, gli uomini di mister Fonseca avrebbero potuto tornare in Italia con una vittoria, anche perché il volenteroso Wolfsberger (paragonabile a una discreta compagine della nostra Serie B) era ampiamente alla loro portata.

Giuseppe Livraghi

WOLFSBERGER-ROMA 1-1 (0-1)

RETI: Spinazzola (R) al 27', Liendl (W) al 51'.

WOLFSBERGER (4-3-1-2): Kofler; Novak, Sollbauer, Rnic, Schmitz; Schmid, Leitgeb, Ritzmaier (dal 92' Wernitznig); Liendl (dall'88' Schmerbock); Weissman (dall'81' Schmidt), Niangbo. Allenatore: Struber.

ROMA (4-2-3-1): Mirante; Santon, Fazio, Mancini, Spinazzola (dall'80' Kolarov); Diawara, Cristante (dall'82' Veretout); Zaniolo, Pastore (dal 77' Antonucci), Kluivert; Kalinic. Allenatore: Fonseca.

ARBITRO: Tiago Bruno Lopes Martins (Portogallo).


© Riproduzione riservata