Lazio-Rennes 2-1

Lazio-Rennes 2-1 / Le pagelle di UnfoldingRoma

81
stampa articolo Scarica pdf

STRAKOSHA 6 Sul vantaggio francese non può fare molto, per il resto partita di normale amministrazione. Attento.

VAVRO 5 Torna in campo dopo la trasferta di Cluj ma continua a non convincere. Un po’ meglio nella ripresa, ma le sbavature sono troppe: sembra ancora spaesato.

ACERBI 7 Non sa cosa significhi riposare. Sempre attento e puntuale, nel secondo tempo si sposta sul centro sinistra per dare un importante contributo alla manovra.

BASTOS 5.5 Rovina la sua partita con alcuni errori che poteva risparmiarsi.

LAZZARI 6.5 Consapevole della brutta prova di Cluj, stasera il numero 29 entra in campo con il giusto piglio e voglia di creare.

PAROLO 5.5 Sulla sua partita pesano motivi familiari che sicuramente non gli hanno permesso di scendere in campo serenamente.

CATALDI 5 Peccato, spreca una buona chance per mettersi in mostra. L’errore iniziale e il conseguente giallo lo costringono ad una partita in sordina.

MILINKOVIC 7.5 (dal 53’) Entra lui e si accende la luce. Gol da attaccante vero e un assist al bacio per Immobile. Due giocate che permettono alla Lazio di rimanere a galla. Giù il cappello.

BERISHA 5 Ha bisogno di trovare più spazio, giocare così poco non gli permette di tornare ai livelli di Salisburgo. Un’altra gara incolore per lui.

LUIS ALBERTO 6.5 (dal 53’) Entra insieme a Milinkovic per cambiare le sorti del match: dà tanta qualità alzando anche il ritmo della squadra. E’ suo l’assist per il gol del serbo.

LULIC 6 Sembrava dovesse riposare, poi Inzaghi lo schiera dal primo minuto. Il bosniaco, apparso stanco, commette qualche errore di troppo.

JONY (dall’83’) SV

CAICEDO 6 Oggi meno decisivo, dà il suo contributo là davanti senza però trovare guizzi vincenti.

IMMOBILE 7 Sembrava non essere la sua serata, poi basta un cross in area e lui lo scaraventa in rete con una torsione da vero ariete. Bomber.

INZAGHI 7 Decisive le scelte nei cambi, va bene il turnover ma poi le partite vanno portate a casa. Tre punti fondamentali per il cammino europeo.


© Riproduzione riservata